Angelomichele Risi

Nasce a Fisciano nel 1950, dove vive e lavora. stato allievo di Capogrossi, Scordia e De Stefano allAccademia di Belle Arti di Napoli, ove si diplomato nel 1974.Fra le principali mostre si segnalano la partecipazione allaDecima Quadriennaledi Roma del 1975, la personale alla Galleria Taide di Salerno del 1977, alla Galleria Pantha Arte di Como, e aDisegno Gemello,alla Taide di Salerno, a cura di Antonio DAvossa, nel 1982.Del 1983 la personale allo Studio Cavalieri di Bologna, mentre del 1984 sono quelle alla Galleria Giulia di Roma, alla Galleria Nova di Zagabria, ed ancora a Como alla Galleria Pantha Arte.Nel 1985 partecipa alla rassegna internazionaleRond, presso gli Antichi Arsenali di Amalfi, ed alXIII Premio NazionaleCitt di Gallarate, a cura di Gillo Dorfles.Del 1986 sono le mostreLarsenale, il laboratorio, lartista,presso gli AntichiArsenali diAmalfi, e la personale alla Galleria Lapis Arte di Salerno, che per loccasione edita un catalogo monografico con testi di Michele Buonomo e Angelo Trimarco.Scrive Buonomo La sua una pitturafortificata,nel significato pi originale di questo termine. Protegge cio ogni forza interna, contiene ogni inquietudine, e non teme lisolamento. Allinterno delle mura della sua pittura la superficie la materia si compatta in volumetrie primarie, dove non c spazio per unillusione rappresentativa, o peggio ancora per evasioni narrative. Angelomichele non ama raccontare, forse perch diffida della qualit espressiva delle parole. Crede per fermamente in un criterio di eccellenza della pittura nel mestiere della pittura nellautonomia che questa pratica oggi pu affermare nei confronti di qualsiasi altra espressione. Sar inutile allora andare a cercare nelle sue opere sensi misteriosi, scarti simbolici, allusioni citate. Il peso di ogni sua opera quello determinato da una disinvoltura combinatoria e quello sostenuto da un sentimento di eccellenza sta tutto in uno stile espresso nella pienezza e nel rigore del silenzio.Rileva Angelo Trimarco Lopera vive in bilico e come sospesa fralesprit de geometrie,il rigore della scienza pura, e le incertezze di un percorso pieno di insidie e di sorprese. Fra lazzurro delle forme e gli scorrimenti della soggettivit che ne violano ad ogni istante la trasparenza. Certo, per Angelomichele Risi lopera costruzione e lavoro linguistico, itinerario intorno al nodo difficile del significato, al gioco perverso della geometria, della ragione infine.Nello stesso anno Risi viene segnalato da Michele Buonomo nelCatalogo dellArte ModernaItaliana, edito da Mondadori.Nel 1987 espone con Bernard Zimmer nella mostraCorrispondenze, alla Galleria Karl Pfefferle di Monaco.Viene poi invitato aDentro la pittura,Villa RufoloRavello, aIl passo dellacrobata, Salerno e aPittura, Galleria Arco di Rab, Roma.Il 1988 lanno dellinvito allaBiennale del Sud,tenutasi allAccademia di Belle Arti di Napoli, alla rassegnaDisegno in Campania, a Morcone, curata da Enrico Crispolti, ed alla Galleria Fahlbusch di Mannheim.Del 1991 linvito allaRassegna delle Rassegne, al Forte la Carnale di Salerno.Nel 1992 invitato alXXXII PremioSuzzara. Nel 1997 partecipa aLe vie della creta,aVillaRufolo a Ravello. Nel 1998 espone con la Galleria Nanni all Expo Arte di Bologna, ed alla Fiera di Parma, conPiatto dartista.Opere degli anni novanta il titolo di una mostra antologica tenuta nel 1999 alla Galleria Comunale dArte Contemporanea di Scafati, con un catalogo monografico edito da Quaderni dArte Scafati, con testi di Massimo Bignardi e di Luciano Caramel, che neIl senso della pitturascrive Angelomichele Risi s incaponito da sempre a interrogarsi sui modi e il senso della pittura, entro proprio il suo statuto disciplinare di operazione sulla superficie, con pigmenti e pennelli.Ne nato un fare insieme grande e non dispersivo, anzi pi che mai concentrato, che genera esiti di rara suggestione, senza peraltro rinuncia alcuna al rigore da sempre presupposto dalla pittura ancora, sempre pittura di Risi, che i nuovi risultati piuttosto esaltano, attestando che la consapevolezza analitica coniugabile con la creazione di immagini che nellanalisi non si risolvono tautologicamente.Nel MMMAC di Paestum, sempre nel 1999, si tiene la mostraRisi-Paladino. del 2000 ospitata in San Pietro in Atrio, ed in seguito allex Ticosa a Como Contemporanea Como 5, Castellani, Minoli, Marrocco, Risi, curata da Antonio DAvossa, Massimo Bignardi, Marco Meneguzzo e Claudio Cerritelli, che, nel suo scrittoViaggio allinterno del colore,scrive Lopera dipinta , dunque, il luogo in cui il pittore indaga il rapporto con la forma, il carattere del suo divenire, il luogo dove gli elementi compositivi sono sintomi di una ricerca vissuta come disciplina e piacere della creazione, La sensazione quella di un lungo e ininterrotto processo di meditazione intorno ad un nucleo dominante che si offre come immagine frontale, apparentemente statica, dove la geometria non unipotesi giustificabile priori ma linguaggio emotivo. Entro questa griglia avvengono fenomeni di diversa intensit cromatica, si avverte il peso di figure solide che creano impatto, oppure si sente la leggerezza delle trasparenze cromatiche che fanno da contrappunto alla fisicit del colore.InInsorgenze del classico in cammino da Oplonti,edito da Electa Napoli nel 2001, per la rassegna ospitata a Villa Campolieto di Ercolano, Massimo Bignardi, nel capitoloIl nascosto colore dellemozionescrive Se nei dipinti della met degli anni Ottanta il registro caratterizzato da investigazioni czanniane, quelli realizzati nei primi anni Novanta risentono del modulare la luce, data come sostanza plastica non pi solo lo studio del rapporto fra piano e forma, definito da campiture piane, con netti e profondi tagli dun blu intenso e vibrante affiancati a terre ocra, gialli velati da un verde acido. Lartista contrappone forme irrigidite e solenni, dal contorno deciso e tagliente, con limpianto impregnato da una luce drammatica, alla reiterazione di un minimalismo freddo dagli accenti espressivi, inquieto e sovrabbondante di colori plumbei, di arie sospese molto in voga in quegli anni.Nel 2004, una sua opera dal titoloTerra di luce, stata scelta dal Monopolio di Stato e riprodotta sul biglietto della Lotteria Italia nel 2005.Con il titoloIl sogno dellingegnere,il FRAC di Baronissi alla fine del 2005 gli dedica una personale, con una monografia curata da Massimo Bignardi e da Ada Patrizia Fiorillo, che scrive Non preoccupazione principale di Risi suscitare interesse per ci che i suoi dipinti dicono, ma per come lo dicono. Per come, cio, si producono a ricreare una forma, allertando quella dimensione emotiva che la sollecita e la inquadra.Inizia dal 2006 la collaborazione con Costa Crociere, per la quale Risi realizza molte opere, che si trovano a bordo delle navi Concordia, Serena, Pacifica.Del 2007 sono la personale alla Galleria Pagea di Angri, la sculturaGiochi dAcqua,collocata a Giffoni Sei Casali poi le rassegnePersistenze sul confine dellimmagine-ripensando ad Andrea Pazienza,aSan Severo eLo sguardo dei giorni,tenuta nella chiesa dellAddolorata nel Complesso diSanta Sofia di Salerno.Nel 2011 invitato al Padiglione Italia 54 esposizione internazionale dArte della Biennale di Venezia, per il 150 dellUnit dItalia, a cura di Vittorio Sgarbi,presso lEx Tabacchificio Centola di Pontecagnano Faiano, e aCarteContemporanee, esperienze del disegnoitaliano dal 1943 agli anni Novanta, al FRAC di BaronissiNel 2012,45 ceramiche da 45 cm.,Linee contemporanee, Salerno, testo di Rino Mele. del 2013 la partecipazione adIcona,presso ilFRAC Baronissi.Nel 2015 partecipa alla rassegnaArtlante Vesuviano, tenuta presso la Tekla di Sarno, ed in seguito alReal Polverificio Borbonico di Scafati. Tiene le mostre personaliOpere recenti,Fornace Falcone, Outlet Village Eboli, e al PAC di Acciaroli Pollica, Palazzo Principe Capano.Potete ammirareQUIlopera che Angelomichele Risi ha realizzato per ESTASI, mostra dArte Contemporanea organizzata dalle Edizioni Paguro e curata daldott. Michele CitroCome scrivere un libro, suggerimenti utili per la realizzazione di un libro e su come scrivere, valutare, pubblicare e promuovere un prodotto editoriale - libro. Pubblicare un libro un processo alquanto lungo che richiede unadeguata preparazione settoriale nel campo delleditoria. Vediamo insieme come scrivere un libro. Tutto ha inizio con unidea che un autore o scrittore decide di sviluppare e dalla quale spera di ricavarne un volume logicamente organico da poter presentare a un editore affinch lo possa prendere in considerazione e pubblicare. Terminata lopera, lo scrittore esordiente ha di fronte a s tre potenziali prospettive dazione lautopubblicazione self publishing in inglese essere editori di s stessi, la pubblicazione a pagamento presso editori o case editrici a pagamento o la pubblicazione gratuita sulla base di una volont dimpresa e di assunzione di rischio di un editore che valuta e giudica lopera potenzialmente appetibile per un determinato core target di potenziali lettoricompratori.

 
 
 
 
 
 
 
 
Edizioni Paguro
Catalogo
Collane
Autori
Pubblica con noi
Eventi/News
Downloads
 
Edizioni Paguro
 
AREA CLIENTI
 
COMUNICAZIONI
 
LA CASA EDITRICE
 
RETE DI VENDITA
 
INFORMAZIONI
 
Angelomichele Risi scrive viaggio scrivere come come
 
Angelomichele Risi
Angelomichele Risi
966-961
Angelomichele Risi

Nasce a Fisciano nel 1950, dove vive e lavora.
È stato allievo di Capogrossi, Scordia e De Stefano all’Accademia di Belle Arti di Napoli, ove si è diplomato nel 1974.

Fra le principali mostre si segnalano la partecipazione alla 
Decima Quadriennale di Roma del 1975, la personale alla Galleria Taide di Salerno del 1977, alla Galleria Pantha Arte di Como, e a Disegno Gemello, alla Taide di Salerno, a cura di Antonio D’Avossa, nel 1982.

Del 1983 è la personale allo Studio Cavalieri di Bologna, mentre del 1984 sono quelle alla Galleria Giulia di Roma, alla Galleria Nova di Zagabria, ed ancora a Como alla Galleria Pantha Arte.

Nel 1985 partecipa alla rassegna internazionale Rondò, presso gli Antichi Arsenali di Amalfi, ed al XIII Premio Nazionale Città di Gallarate, a cura di Gillo Dorfles.

Del 1986 sono le mostre L’arsenale, il laboratorio, l’artista, presso gli Antichi Arsenali di Amalfi, e la personale alla Galleria Lapis Arte di Salerno, che per l’occasione edita un catalogo monografico con testi di Michele Buonomo e Angelo Trimarco.

Scrive Buonomo: «La sua è una pittura fortificata, nel significato più originale di questo termine. Protegge cioè ogni forza interna, contiene ogni inquietudine, e non teme l’isolamento. All’interno delle mura della sua pittura (la superficie) la materia si compatta in volumetrie primarie, dove non c’è spazio per un’illusione rappresentativa, o – peggio ancora – per evasioni narrative. Angelomichele non ama raccontare, forse perché diffida della qualità espressiva delle parole. Crede però fermamente in un criterio di eccellenza della pittura; nel mestiere della pittura; nell’autonomia che questa pratica oggi può affermare nei confronti di qualsiasi altra espressione. Sarà inutile allora andare a cercare nelle sue opere sensi misteriosi, scarti simbolici, allusioni citate. Il peso di ogni sua opera – quello determinato da una disinvoltura combinatoria e quello sostenuto da un sentimento di eccellenza – sta tutto in uno stile espresso nella pienezza e nel rigore del silenzio».

Rileva Angelo Trimarco: «L’opera vive in bilico e come sospesa fra l’esprit de geometrie, il rigore della scienza pura, e le incertezze di un percorso pieno di insidie e di sorprese. Fra l’azzurro delle forme e gli scorrimenti della soggettività che ne violano ad ogni istante la trasparenza. Certo, per Angelomichele Risi l’opera è costruzione e lavoro linguistico, itinerario intorno al nodo difficile del significato, al gioco perverso della geometria, della ragione infine.’

Nello stesso anno Risi viene segnalato da Michele Buonomo nel Catalogo dell’Arte Moderna Italiana, edito da Mondadori.

Nel 1987 espone con Bernard Zimmer nella mostra Corrispondenze, alla Galleria Karl Pfefferle di MonacoViene poi invitato a Dentro la pittura, Villa Rufolo Ravello, a Il passo dell’acrobata, Salerno; e a Pittura, Galleria Arco di Rab, Roma.

Il 1988 è l’anno dell’invito alla Biennale del Sudtenutasi all’Accademia di Belle Arti di Napoli, alla rassegna Disegno in Campania, a Morcone, curata da Enrico Crispolti, ed alla Galleria Fahlbusch di Mannheim.

Del 1991 è l’invito alla Rassegna delle Rassegne, al Forte la Carnale di Salerno.

Nel 1992 è invitato al XXXII Premio Suzzara. Nel 1997 partecipa a Le vie della cretaa Villa Rufolo a Ravello. Nel 1998 espone con la Galleria Nanni all’ Expo Arte di Bologna, ed alla Fiera di Parma, con Piatto d’artista.

Opere degli anni novanta è il titolo di una mostra antologica tenuta nel 1999 alla Galleria Comunale d’Arte Contemporanea di Scafati, con un catalogo monografico edito da Quaderni d’Arte Scafati, con testi di Massimo Bignardi e di Luciano Caramel, che ne Il senso della pittura scrive: «Angelomichele Risi s’è incaponito da sempre a interrogarsi sui modi e il senso della pittura, entro proprio il suo statuto disciplinare di operazione sulla superficie, con pigmenti e pennelli. (…) Ne è nato un fare insieme “grande” e non dispersivo, anzi più che mai concentrato, che genera esiti di rara suggestione, senza peraltro rinuncia alcuna al rigore da sempre presupposto dalla pittura (ancora, sempre pittura) di Risi, che i nuovi risultati piuttosto esaltano, attestando che la consapevolezza analitica è coniugabile con la creazione di immagini che nell’analisi non si risolvono tautologicamente».

Nel MMMAC di Paestum, sempre nel 1999, si tiene la mostra Risi-Paladino.

È del 2000 – ospitata in San Pietro in Atrio, ed in seguito all’ex Ticosa a Como – Contemporanea Como 5, Castellani, Minoli, Marrocco, Risi, curata da Antonio D’Avossa, Massimo Bignardi, Marco Meneguzzo e Claudio Cerritelli, che, nel suo scritto Viaggio all’interno del colore, scrive: «L’opera dipinta è, dunque, il luogo in cui il pittore indaga il rapporto con la forma, il carattere del suo divenire, il luogo dove gli elementi compositivi sono sintomi di una ricerca vissuta come disciplina e piacere della creazione, La sensazione quella di un lungo e ininterrotto processo di meditazione intorno ad un nucleo dominante che si offre come immagine frontale, apparentemente statica, dove la geometria non è un’ipotesi giustificabile priori ma linguaggio emotivo. Entro questa griglia avvengono fenomeni di diversa intensità cromatica, si avverte il peso di figure solide che creano impatto, oppure si sente la leggerezza delle trasparenze cromatiche che fanno da contrappunto alla fisicità del colore».

In Insorgenze del classico – in cammino da Oplontiedito da Electa Napoli nel 2001, per la rassegna ospitata a Villa Campolieto di Ercolano, Massimo Bignardi, nel capitolo Il nascosto colore dell’emozione scrive: «Se nei dipinti della metà degli anni Ottanta il registro è caratterizzato da investigazioni cèzanniane, quelli realizzati nei primi anni Novanta risentono del modulare la luce, data come sostanza plastica: non è più’ solo lo studio del rapporto fra piano e forma, definito da campiture piane, con netti e profondi tagli d’un blu intenso e vibrante affiancati a terre ocra, gialli velati da un verde acido. L’artista contrappone forme irrigidite e solenni, dal contorno deciso e tagliente, con l’impianto impregnato da una luce drammatica, alla reiterazione di un minimalismo freddo dagli accenti espressivi, inquieto e sovrabbondante di colori plumbei, di arie sospese molto in voga in quegli anni».

Nel 2004, una sua opera dal titolo Terra di luceè stata scelta dal Monopolio di Stato e riprodotta sul biglietto della Lotteria Italia nel 2005.

Con il titolo Il sogno dell’ingegnere, il FRAC di Baronissi alla fine del 2005 gli dedica una personale, con una monografia curata da Massimo Bignardi e da Ada Patrizia Fiorillo, che scrive: «Non è preoccupazione principale di Risi suscitare interesse per ciò che i suoi dipinti dicono, ma per come lo dicono. Per come, cioè, si producono a ricreare una forma, allertando quella dimensione emotiva che la sollecita e la inquadra».

Inizia dal 2006 la collaborazione con Costa Crociere, per la quale Risi realizza molte opere, che si trovano a bordo delle navi Concordia, Serena, Pacifica.

Del 2007 sono la personale alla Galleria Pagea di Angri, la scultura Giochi d’Acquacollocata a Giffoni Sei Casali; poi le rassegne Persistenze sul confine dell’immagine-ripensando ad Andrea Pazienzaa San Severo; e Lo sguardo dei giornitenuta nella chiesa dell’Addolorata nel Complesso di Santa Sofia di Salerno.

Nel 2011 è invitato al Padiglione Italia 54 esposizione internazionale d’Arte della Biennale di Venezia, per il 150° dell’Unità d’Italia, a cura di Vittorio Sgarbipresso l’Ex Tabacchificio Centola di Pontecagnano Faiano, e a CarteContemporanee, esperienze del disegno italiano dal 1943 agli anni Novanta, al FRAC di Baronissi

Nel 201245 ceramiche da 45 cm., Linee contemporanee, Salerno, testo di Rino Mele.

È del 2013 la partecipazione ad Icona, presso il FRAC Baronissi.

Nel 2015 partecipa alla rassegna Artlante Vesuviano, tenuta presso la Tekla di Sarno, ed in seguito al Real Polverificio Borbonico di Scafati. Tiene le mostre personali Opere recenti, Fornace Falcone, Outlet Village Eboli, e al PAC di Acciaroli Pollica, Palazzo Principe Capano.

Potete ammirare QUI l'opera che Angelomichele Risi ha realizzato per ESTASI, mostra d'Arte Contemporanea organizzata dalle Edizioni Paguro e curata dal dott. Michele Citro

Angelomichele Risi scrive viaggio scrivere come come
Angelomichele Risi scrive viaggio scrivere come come
Angelomichele Risi scrive viaggio scrivere come come
Angelomichele Risi scrive viaggio scrivere come come

Leggi anche:
Collana l Albero delle idee
Rosamaria Vitetta
Nel 2020 consegue la laurea magistrale in Filologia Moderna presso l’Università degli Studi di Salerno con una tesi...
>>
Narrativa e Poesia
Alberto Cigala Fulgosi
Alberto Cigala Fulgosi, impiegato commerciale presso Liski Srl, importante azienda bergamasca che opera nel settore sportivo, ...
>>
Narrativa e Poesia
Paola Nugnes
Paola Nugnes è nata a Napoli, è un architetto pianificatore, appassionata di politica e di ambiente, ha un compa...
>>
narrativa italiana
Paolo Moretti
Paolo Moretti, eclettico avvocato milanese, una passione per la lettura e per la lingua italiana, scrive il suo primo romanzo....
>>
POESIA
Eduardo Colella
Eduardo Colella nasce in provincia di Napoli verso la fine degli anni ottanta o giù di lì, troppo tardi per il c...
>>
narrativa italiana
Imma Luccarelli
Nata in Puglia, a Taranto, è laureata in Filologia moderna e abilitata all’insegnamento. Attualmente insegna...
>>
Sound Design
Franco Fraccastoro
Si è laureato in Chitarra Classica e Musicologia presso l’Università di Bologna. Ha frequentato il corso P...
>>
Letteratura per bambini
Anella Del Buono
Nata a Fisciano nel 1953, ha frequentato l'Istituto Magistrale, si è laureata in lingue e letterature straniere ed ha sem...
>>
STORIA MEDIOEVALE
Roberto Schiavolin
Roberto Schiavolin si è laureato in Storia Medievale presso l’Università di Trieste, ove è ...
>>
NEWSLETTER
ISCRIVITI
VUOI RICEVERE LE NOSTRE NEWS?
Angelomichele Risi scrive viaggio scrivere come come
CATEGORIE
AUTORI
AUTORI
ESTASI
ANIMAZIONE & VIDEOGIOCHI
ARCHEOLOGIA
ARTE
BIENNALE ARTE CONTEMPORANEA SALERNO
COLLANA L ALBERO DELLE IDEE
COLLANA L'ALBERO DELLE IDEE
COLLANA WARP ZONE
DISEGNO E STORIA DELL’ARTE
ECONOMIA
EDIZIONI PAGURO
FCN - FONDAZIONE COMMERCIALISTI NOLA
FILOSOFIA
FILOSOFIA POLITICA
LETTERATURA CULTURA SPAGNOLA
LETTERATURA FANTASY
LETTERATURA PER BAMBINI
LETTERE E FILOSOFIA
LINGUA E LETTERATURA SPAGNOLA
LINGUA E TRADUZIONE SPAGNOLA
LINGUA SPAGNOLA
LINGUE E CULTURE MODERNE
LINGUE E TRADUZIONE
MUSICA
NARRATIVA E POESIA
NARRATIVA ITALIANA
POESIA
PSICOLOGIA
RICERCA DEL CNRS
SAGGISTICA LETTERARIA
SCIENZE LINGUISTICHE
SCIENZE POLITICHE
SCIENZE STORICHE E SOCIALI
SOUND DESIGN
STORIA CONTEMPORANEA
STORIA DEL NOVECENTO ITALIANO
STORIA DELLA MUSICA
STORIA ECONOMICA
STORIA LOCALE SALERNITANA
STORIA MEDIOEVALE
STUDI AMERICANI
STUDI LATINOAMERICANI
TEOLOGIA
CURIOSIT
FILOSOFIA
EDIZIONI PAGURO
CONTATTI
SPONSOR E PATROCINI
CANALI
ARCHIVIO
GIUGNO 2021
MAGGIO 2021
MARZO 2021
GENNAIO 2021
SETTEMBRE 2020
GIUGNO 2020
SETTEMBRE 2019
AGOSTO 2019
MARZO 2019
FEBBRAIO 2019
NOVEMBRE 2018
LUGLIO 2018
OTTOBRE 2017
AGOSTO 2017
GIUGNO 2017
MAGGIO 2017
MARZO 2017
FEBBRAIO 2017
GENNAIO 2017
DICEMBRE 2016
OTTOBRE 2016
SETTEMBRE 2016
AGOSTO 2016
LUGLIO 2016
GIUGNO 2016
MAGGIO 2016
APRILE 2016
MARZO 2016
FEBBRAIO 2016
GENNAIO 2016
DICEMBRE 2015
NOVEMBRE 2015
OTTOBRE 2015
SETTEMBRE 2015
 
Catalogo
 cerca
PROSSIME USCITE +
ANIMAZIONE E VIDEOGIOCHI +
ARTI +
DIRITTO ED ECONOMIA +
FILOSOFIA E STORIA +
NARRATIVA E POESIA +
SCIENZE SOCIALI +
STUDI IBERO E IBERO-AMERICANI +
UNISA +
PROMO +

 
 
 
 
 
 
 
 
 
Tel.089.821723
 
|
|
|
|
|
 
Clicca qui per personalizzare il sito
 
CPANEL
Theme color:
 
 
Font size:
 
10 pt
12 pt
14 pt
16 pt
18 pt
 
Background:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Angelomichele Risi scrive viaggio scrivere come come
Angelomichele Risi scrive viaggio scrivere come come
Angelomichele Risi scrive viaggio scrivere come come
Angelomichele Risi scrive viaggio scrivere come come
Angelomichele Risi scrive viaggio scrivere come come
Angelomichele Risi scrive viaggio scrivere come come
Home
Autori
Collane
Pubblica con noi
Condizioni di vendita
News
Contatti
Email
089.821723
328.9670221