Il cacciatore celeste Roberto Calasso - Adelphi recensito da Angelo Giubileo

Oltre le mura di EleusiUna recensione allrsquoultimo libro di Roberto Calasso, Il cacciatore celeste Adelphi, 2016Al termine del percorso narrato e tracciato nel suo ultimo libro,Il cacciatore celeste,DanteRoberto Calasso, in compagnia diVirgilioGiorgio de Santillana, mi conduce a Eleusi, ldquoil luogordquo - scrive Calasso ndash ldquodove, secondo Ciceronevengono iniziate le genti delle regioni pi remoterdquo Calasso, p. 438, e dunque anche coloro che hanno attraversato ldquola porta da cui entrare nel regno dellrsquoAmleto pre-shakesperianordquo, allrsquointerno del quale fui gi condotto da de Santillana, e in particolare per mezzo del suo libro, scritto con Herta von Dechend,Il mulino di Amleto.Eleusi si trovava a 20 Km da Atene e fu in passato la ldquocullardquo del Mediterraneo. Ma esistito uno spazio e un tempo in cui Eleusi non era ancora stata edificata, n Atene era stata fondata e, ancor prima, il Mediterraneo era sempre stato l, dovrsquo, ma ancora senza il suo nome.Nomen, omen.S che, il de-stino del Mediterraneo quel lembo, parte, spazio di territorio ldquoche in mezzo alle terrerdquo. Uno spazio de-limitato, che sorge dopo lo ldquoSpazio-apertordquo del Kaos, dal quale ci rammenta Esiodo nacquero tutte le cose e, prima tra esse, il tempo Kronos. Uno spazio circoscritto allrsquointerno delle terre drsquoAfrica, Europa e Asia. Uno spazio a cui ancora possibile risalire in quanto spazio ldquooriginariordquo di ogni rappresentazione che accade tempo storico, che indica sia passato sia presente sia futuro allrsquointerno dello spazio ldquoin-finitordquo del Kaos.E dunque esisterebbe un luogo topos originario e, nella traslitterazione dal greco, un luogo sia comune che ricorrente. Ma, se esiste ancora un luogo, esiste una via. E, se esiste una via, esiste una mappa. Oggi, le mappe sono piuttosto quelle di Google. I particolari descritti nelle mappe dipendono dal viaggio percorso, che concerne sia le cose, che gi sono e stanno l apparentemente immote, che colui che le osserva, in definitiva il viandante.Il 3 maggio 2013 Google Maps ha iniziato a usare il nome Palestina anzich Territori occupati, riconoscendola di fatto come nazione.Heidegger, ldquophilosophosrdquo dei tempi che ci appartengono, afferma che sia possibile risalire allrsquoinizio deglrsquoinizi e, per fare ci, dice che occorre ldquopensare in modo inizialerdquo, ldquopensare come i pensatori inizialirdquo, e in particolare riferendosi a Parmenide di Elea, dice che occorra rispolverare lrsquoessenza del ldquometodordquo, dal greco ldquot mythodesrdquo, ma viceversa dal latino ldquomethodusrdquo.Due diverse accezioni del termine, dichiaratamente allrsquoopposto.Peri romani, di sempre, il metodo , per il detto di Heidegger, ldquoun procedimento con lrsquoausilio del quale lrsquouomo attua il suo assalto indagatore e inquisitorio nei confronti degli oggettirdquo. N pi n meno del tempo che comune alCacciatore celestedis-velato da Calasso nella sua ultima fatica letteraria. Del quale immagine e rappresentazione, primigenia, Artemide ma anche Selene, Trivia, Ecate, detta ancheAgrotera,Agrtis,Afea,Amarisia,Cynthia,Delia,Eskopos iochaira,Phacelitis,Potnia Theron,Kourothrophos,Kynegtriakappaupsilonnuetagamma941taurhoiotaalpha o ancheKynegs,Locheia,Opads okypdon elphon, Orthia, Ortigia,Phoebe, ma anche Afrodite, Hera, ecc., e poi Athena, e prima e dopo ancora - esperienza che comune a ogni ldquodivinordquo che ritorna - a Demetra, talvolta raffigurata avente in una mano lo scettro del comando che - dopo il Kaos, e allrsquointerno delle mura della citt, regno o impero - appartiene alla divinit e nellrsquoaltra un melograno o mela colta dallrsquoalberoal quale si sostituir un ldquonovumrdquoalbero della conoscenza ldquooriginariordquodella vita e della conoscenza.Ed per questa via che il Mediterraneo oggi il de-stino di migranti, e quindivia di fugadi prede che intendono s-fuggire al cacciatore-predatore, che si abbevera al fondamentalismo, sia politico che religioso, figlio della rinuncia al sapere della conoscenza. Del cui frutto pure si era servito, fin dalle origini, laLucy-raccoglitrice africana, e chiss chi altri ancora prima di lei. Perch sia chiaro, e rispetto allrsquoaccostamento del messaggio me ne assumo lrsquoesclusiva responsabilit, accade che ldquola luna dellrsquoIslam e la croce di Roma erano staterdquo e quindi ldquosarannoimplacabili con quei profughirdquo Calasso, p. 386.Viceversa. Peri greci, di sempre, il metodo , ancora per il detto di Heidegger, ldquoil restare sulla via, e precisamente su quella via che non pensata dallrsquouomo in quanto metodo, bens viene indicata dallrsquoentein greco, ci che e attraverso lrsquoente che si mostra, e in tal modo gi rdquo.A tale proposito, ci rammenta Calasso che ldquoci sono varie specie di ignoto ndash e due fondamentali. Lrsquouna differisce dal noto soltanto perch un noto non ancora accertato. Lrsquoaltra un ignoto che tale destinato a rimanere lrsquoaniruktadei testi vedici, un indeterminato, un indefinito, un implicito che non pu esplicitarsihellipMa crsquo unrsquoaltraconoscenza, che penetra allrsquointerno dellrsquoignoto. Non-verbale per costituzione, pu manifestarsi attraverso forme di varia specie, talvolta anche verbali. Allora lrsquoignoto che apparerdquo. Calasso, p. 378Cosa crsquoera prima dellrsquoedificazione di Eleusi E prima che il Mediterraneo si appropriasse del nome, riconosciuto, che gli appartieneAtene dichiar guerra a Eleusi. Atene, onomatopeicamente, apparteneva e quindi era devota a Athena mentre Eleusi sacrificava a Poseidone, il dio del mare. Atene dichiar guerra, e sconfisse poi Eleusi, perch, come evidenzia e sottolinea bene Calasso ldquoUna civilt che si fondava su Omero e non su un canone di testi sacri dovette apparire gi per questo aberrante fra le sue sorelle mediterraneerdquo p. 390. Secondo Omero,Okeanosil padre di tutte le cose. Anche per Talete, il primo philosophos della tradizione,lrsquoacqua il principioin greco, archdelle cose,lrsquoorigine di tutte le cose.A tale proposito, e discorrendo dellrsquoApeirondi Anassimandro, che de Santillana traduce con lrsquoespressione ldquoil flusso infinitordquo, egli medesimo evidenzia che ldquoSocrate cita una versione orfica donde il suo ritegno a nominare le sue autorevoli fonti, e le strane entit che vi compaiono, come Okeanos e ChronoshellipQui srsquointende Chronos-tempohellipPer quanto riguarda Okeanos,hellip molto pi di Oceano, e altra la sua nascitaJane Harrisonrdquo de Santillana, p. 228.Oceano il mare, i fiumi, lrsquoacqua, lrsquoelemento primordiale ovvero, secondo la testimonianza di Onians, riportata dallrsquoautore ldquoil fiume primordiale che era rappresentato come un serpente con corna e testa umana. Lrsquoelemento procreativo nel corpo era lapsiupsilonchi942, che si manifestava in forma di serpentehellipSi capir meglio, inoltre, perch in questa versione orfica il serpente fosse chiamato Xronos e perch, a chi chiedeva che cosa fosse Xronos, Pitagora rispondesse che era la psiupsilonchi942 dellrsquouniversohellipLa grande entit orfica era Chronos Aion lrsquoavesticoZurvan akarana, comunemente inteso come lsquoTempo infinitorsquohellipErsquo noto che per gli orfici Chronos era il paredro diAnanke, la Necessit. La quale, secondo i i pitagorici, circonda anchrsquoessa lrsquouniversordquo de Santillana, pp. 228-229.Ovvero, circonda anche le mura e la porta di Eleusi, e costituisce, secondo Platone, ldquolrsquoimmagine mobile dellrsquoeternitrdquo.ldquoSi salva chi ha visto cos dice lrsquoInno a Demetra,giunto al suo culmine. Non gi chi buono o ha fatto cose buone si salva, se nonha visto. E neppure escluso chi ha fatto cose cattive, purch abbiavistordquo Calasso, p. 424. Gli assassini e coloro che non parlavano in greco non furono mai ammessi a Eleusi.Ma che cosaha visto Che cosavede, colui chevedeCOSE CHE SI FANNO, COSE CHE SI MOSTRANO, COSE CHE SI DICONO AngeloGiubileo Come Scrivere un Libro, la Casa Editrice Edizioni Paguro un'Associazione Culturale e Casa Editrice con sede a Mercato San Severino in provincia di Salerno che nasce con lo scopo di praticare e propagandare tutte Ie attivit di natura culturale ed intellettuale legate al tessuto sociale, culturale, artistico ed economico. Edizioni Paguro cura la redazione e I'edizione di libri, testi e riviste che trattano ogni campo del sapere, tanto umanistico quanto scientifico. Pubblica volumi di carattere accademico e non in materia di arte, diritto, economia, filosofia, sto ria, politica, sociologia, antropologia, letteratura, narrativa, poesia, matematica, fisica, biologia e molto altro ancora. Edizioni Paguro si impegna a promuovere, pubblicizzare, distribuire e commercializzare i diversi prodotti e servizi di natura editoria le e non realizzati e erogati per mezzo di una rete ben strutturata di canali tradizionali, reti informatiche e telematiche. All'editoria tradizionale, Edizione Paguro affianca, su esplicita commissione dei propri autori, una serie di attivit e servizi correlati quali; marketing d'auto re, produzione di materiale promozionale segnalibri customizzati, bigliettini da visita, locandine, manifesti ecc., organizzazione diretta eo indiretta di manifestazioni, convegni, dibattiti, seminari e corsi di formazione e di studio per enti pubblici eo privati, con mostre ed esposizioni di ogni genere. Edizioni Paguro fa della libert di espressione e di divulgazione delle idee il proprio credo, e sostiene, nel limite delle proprie possibilit, tutti coloro che vogliono dare inchiostro al proprio pensiero, purch lo facciano con rispetto, responsabilit e passione.

 
 
 
 
 
 
 
 
Edizioni Paguro
Catalogo
Collane
Autori
Pubblica con noi
Eventi/News
Downloads
 
Edizioni Paguro
 
AREA CLIENTI
 
COMUNICAZIONI
 
LA CASA EDITRICE
 
RETE DI VENDITA
 
INFORMAZIONI
 
Il cacciatore celeste Roberto Calasso - Adelphi recensito da Angelo Giubileo petrini juvenilia edizione edizione editrice
 
Il cacciatore celeste (Roberto Calasso - Adelphi) recensito da Angelo Giubileo
Il cacciatore celeste (Roberto Calasso - Adelphi) recensito da Angelo Giubileo
600-943|||
Il cacciatore celeste (Roberto Calasso
Adelphi) recensito da Angelo Giubileo

Oltre le mura di Eleusi

Una recensione all’ultimo libro di Roberto Calasso, Il cacciatore celeste (Adelphi, 2016)

Al termine del percorso narrato e tracciato nel suo ultimo libro, Il cacciatore celesteDante (Roberto Calasso), in compagnia di Virgilio(Giorgio de Santillana), mi conduce a Eleusi, “il luogo” - scrive Calasso – “dove, secondo Cicerone: vengono iniziate le genti delle regioni più remote” (Calasso, p. 438), e dunque anche coloro che hanno attraversato “la porta da cui entrare nel regno dell’Amleto pre-shakesperiano”, all’interno del quale fui già condotto da de Santillana, e in particolare per mezzo del suo libro, scritto con Herta von Dechend,Il mulino di Amleto.

Eleusi si trovava a 20 Km da Atene e fu in passato la “culla” del Mediterraneo. Ma è esistito uno spazio e un tempo in cui Eleusi non era ancora stata edificata, né Atene era stata fondata e, ancor prima, il Mediterraneo era sempre stato lì, dov’è, ma ancora senza il suo nome.Nomen, omen.

Sì che, il de-stino del Mediterraneo è quel lembo, parte, spazio di territorio “che è in mezzo alle terre”. Uno spazio de-limitato, che sorge dopo lo “Spazio-aperto” del Kaos, dal quale ci rammenta Esiodo nacquero tutte le cose e, prima tra esse, il tempo (Kronos). Uno spazio circoscritto all’interno delle terre d’Africa, Europa e Asia. Uno spazio a cui è ancora possibile risalire in quanto spazio “originario” di ogni rappresentazione che accade (tempo storico, che indica sia passato sia presente sia futuro) all’interno dello spazio “in-finito” del Kaos.

E dunque esisterebbe un luogo (topos) originario e, nella traslitterazione dal greco, un luogo sia comune che ricorrente. Ma, se esiste ancora un luogo, esiste una via. E, se esiste una via, esiste una mappa. Oggi, le mappe sono piuttosto quelle di Google. I particolari descritti nelle mappe dipendono dal viaggio percorso, che concerne sia le cose, che già sono e stanno lì apparentemente immote, che colui che le osserva, in definitiva: il vi+a+ndante. Il 3 maggio 2013 Google Maps ha iniziato a usare il nome Palestina anziché Territori occupati, riconoscendola di fatto come nazione.

Heidegger, “philosophos” dei tempi che ci appartengono, afferma che sia possibile risalire all’inizio degl’inizi e, per fare ciò, dice che occorre “pensare in modo iniziale”, “pensare come i pensatori iniziali”, e in particolare riferendosi a Parmenide di Elea, dice che occorra rispolverare l’essenza del “metodo”, dal greco “tò mythodes”, ma viceversa dal latino “methodus”.

Due diverse accezioni del termine, dichiaratamente all’opposto.

Per i romani, di sempre, il metodo è, per il detto di Heidegger, “un procedimento con l’ausilio del quale l’uomo attua il suo assalto indagatore e inquisitorio nei confronti degli oggetti”. Né più né meno del tempo che è comune al Cacciatore celeste dis-velato da Calasso nella sua ultima fatica letteraria. Del quale è immagine e rappresentazione, primigenia, Artemide ma anche Selene, Trivia, Ecate, detta anche Agrotera, Agròtis, Afea, Amarisia, Cynthia, Delia,Eùskopos iochéaira, Phacelitis, Potnia Theron, Kourothrophos,Kynegétria (κυνηγέτρια) o anche Kynegòs, Locheia, Opadòs okypòdon elàphon, Orthia, Ortigia, Phoebe, ma anche Afrodite, Hera, ecc., e poi Athena, e prima e dopo ancora - esperienza che è comune a ogni “divino” che ritorna - a Demetra, talvolta raffigurata avente in una mano lo scettro del comando (che - dopo il Kaos, e all’interno delle mura della città, regno o impero - appartiene alla divinità) e nell’altra un melograno (o mela) colta dall’albero (al quale si sostituirà un “novum” albero della conoscenza) “originario” della vita e della conoscenza.

Ed è per questa via che il Mediterraneo è oggi il de-stino di migranti, e quindi via di fuga di prede che intendono s-fuggire al cacciatore-predatore, che si abbevera al fondamentalismo, sia politico che religioso, figlio della rinuncia al sapere della conoscenza. Del cui frutto pure si era servito, fin dalle origini, la Lucy-raccoglitrice africana, e chissà chi altri ancora prima di lei. Perché sia chiaro, e rispetto all’accostamento del messaggio me ne assumo l’esclusiva responsabilità, accade che “la luna dell’Islam e la croce di Roma erano state” e quindi “saranno implacabili con quei profughi” (Calasso, p. 386).

Viceversa. Per i greci, di sempre, il metodo è, ancora per il detto di Heidegger, “il restare sulla via, e precisamente su quella via che non è pensata dall’uomo in quanto metodo, bensì viene indicata dall’ente (in greco, ciò che è) e attraverso l’ente che si mostra, e in tal modo già è”.

A tale proposito, ci rammenta Calasso che “ci sono varie specie di ignoto – e due fondamentali. L’una differisce dal noto soltanto perché è un noto non ancora accertato. L’altra è un ignoto che tale è destinato a rimanere: l’anirukta dei testi vedici, un indeterminato, un indefinito, un implicito che non può esplicitarsi … Ma c’è un(’altra) conoscenza, che penetra all’interno dell’ignoto. Non-verbale per costituzione, può manifestarsi attraverso forme di varia specie, talvolta anche verbali. Allora è l’ignoto che appare”. (Calasso, p. 378)

Cosa c’era prima dell’edificazione di Eleusi? E prima che il Mediterraneo si appropriasse del nome, riconosciuto, che gli appartiene?

Atene dichiarò guerra a Eleusi. Atene, onomatopeicamente, apparteneva e quindi era devota a Athena; mentre Eleusi sacrificava a Poseidone, il dio del mare. Atene dichiarò guerra, e sconfisse poi Eleusi, perché, come evidenzia e sottolinea bene Calasso: “Una civiltà che si fondava su Omero e non su un canone di testi sacri dovette apparire già per questo aberrante fra le sue sorelle mediterranee” (p. 390). Secondo Omero, Okeanos è il padre di tutte le cose. Anche per Talete, il primo philosophos della tradizione, l’acqua è il principio (in greco, archè) delle cosel’origine di tutte le cose.

A tale proposito, e discorrendo dell’Apeiron (di Anassimandro), che de Santillana traduce con l’espressione “il flusso infinito”, egli medesimo evidenzia che “Socrate cita una versione orfica (donde il suo ritegno a nominare le sue autorevoli fonti), e le strane entità che vi compaiono, come Okeanos e Chronos … Qui s’intende Chronos-tempo … Per quanto riguarda Okeanos,  … è molto più di Oceano, e altra è la sua nascita(Jane Harrison)” (de Santillana, p. 228).

Oceano è il mare, i fiumi, l’acqua, l’elemento primordiale; ovvero, secondo la testimonianza di Onians, riportata dall’autore: “il fiume primordiale che era rappresentato come un serpente con corna e testa umana. L’elemento procreativo nel corpo era la ψυχή, che si manifestava in forma di serpente … Si capirà meglio, inoltre, perché in questa versione orfica il serpente fosse chiamato Xronos e perché, a chi chiedeva che cosa fosse Xronos, Pitagora rispondesse che era la ψυχή dell’universo … La grande entità orfica era Chronos Aion (l’avesticoZurvan akarana), comunemente inteso come ‘Tempo infinito’ … E’ noto che per gli orfici Chronos era il paredro di Ananke, la Necessità. La quale, secondo i i pitagorici, circonda anch’essa l’universo” (de Santillana, pp. 228-229).

Ovvero, circonda anche le mura e la porta di Eleusi, e costituisce, secondo Platone, “l’immagine mobile dell’eternità”.  “Si salva chi ha visto: così dice l’Inno a Demetra, giunto al suo culmine. Non già chi è buono o ha fatto cose buone si salva, se non ha visto. E neppure è escluso chi ha fatto cose cattive, purchè abbia visto” (Calasso, p. 424). Gli assassini e coloro che non parlavano in greco non furono mai ammessi a Eleusi.

Ma che cosa ha visto? Che cosa vede, colui che vede?

COSE CHE SI FANNO, COSE CHE SI MOSTRANO, COSE CHE SI DICONO

                                                                                                      Angelo Giubileo ]

Il cacciatore celeste Roberto Calasso - Adelphi recensito da Angelo Giubileo petrini juvenilia edizione edizione editrice
Il cacciatore celeste Roberto Calasso - Adelphi recensito da Angelo Giubileo petrini juvenilia edizione edizione editrice
Il cacciatore celeste Roberto Calasso - Adelphi recensito da Angelo Giubileo petrini juvenilia edizione edizione editrice
Il cacciatore celeste Roberto Calasso - Adelphi recensito da Angelo Giubileo petrini juvenilia edizione edizione editrice

Leggi anche:
Filosofia
Che cos' il DESTRUTTURALISMO?
Inesorabilmente, ogni «termine» del linguaggio, quale che sia, subisce l’usura del tempo, che è Crono...
>>
Filosofia
La dea VERITA'
Per questa volta, proverò a dirvi, ma indirettamente, anche di me e della mia attività di ricerca durata circa 3...
>>
Filosofia
Il fuso di Ananke
Il periodico La Lettura nell’edizione del 6 agosto u.s. informa che Kevin Mulligan, filosofo inglese nato nel ...
>>
FILOSOFIA ANTICA
IL PARADISO DI APOFI
L’ideologia dominante ha il potere di de-costruire i canoni e le tradizioni pre-esistenti, sostituendoli con nuovi....
>>
POESIA
AMBIENTE & POESIAA. Liriche di Anna Maria Noia
ODE SUL “RIGOPIANO” E la montagna si ripiegò su sé stessa, sprofondò!Ammantata di candida ...
>>
NUOVE TECNOLOGIE
STAGE IUDAV. Formiamo e Cresciamo Talenti nel campo delle Nuove Tecnologie
Dopo 3 giorni intensi di sviluppo il primo di una serie esperienze videoludiche creato da Edoardo Galati e Sergio Mazzola &egr...
>>
POLITICA INTERNAZIONALE
Brexit e non solo...
I trattati dell’Unione Europea non prevedono l’uscita di ogni singolo stato-nazione dall’organizzazione sovrao...
>>
Filosofia
Verita' e sistemi alternativi
Vi è in questo universo una supercoscienza, corrispondente a quello che noi, appartenendo ad una tradizione posteriore,...
>>
Filosofia
La Verit dei Social
I nuovi strumenti Social hanno un enorme potenzialità, che è quella di com-prendere più facilmente la logic...
>>
NEWSLETTER
ISCRIVITI
VUOI RICEVERE LE NOSTRE NEWS?
Il cacciatore celeste Roberto Calasso - Adelphi recensito da Angelo Giubileo petrini juvenilia edizione edizione editrice
CATEGORIE
AUTORI
CURIOSIT
RECENSIONI
ACCESSORI DA LETTORE
CORSI DI FORMAZIONE
FILOSOFIA
FILOSOFIA ANTICA
FINANZA
LEZIONI DI FILOSOFIA ANTICA
LIBRERIE
MOSTRE MERCATO S. SEVERINO
NUOVE TECNOLOGIE
POESIA
POLITICA INTERNAZIONALE
STORIA MEDIOEVALE
TELEVISIONE
CONCORSI LETTERARI 2018
LETTERE DA BABBO NATALE
CONCORSI LETTERARI 2019
DREAMZZZ... ANTOLOGIA
EDIZIONI PAGURO
INFORMAZIONI
EVENTI
ARTE
FIERE
POESIA
SPORT
UNISA
IMPEGNO SOCIALE
BULLISMO
MOSTRE
ESTASI
MOSTRE
TRINITA
PREMI
POESIA
PUBBLICAZIONI
SALERNO
RECENSIONI
FILOSOFIA
POESIA
STORIA
SCRIPTOR DIXIT
FILOSOFIA
POESIA
SIAE - SI ILLUMINA
LETTERATURA FANTASY
ARCHIVIO
GIUGNO 2019
GENNAIO 2019
NOVEMBRE 2018
OTTOBRE 2018
SETTEMBRE 2018
LUGLIO 2018
APRILE 2018
MARZO 2018
DICEMBRE 2017
NOVEMBRE 2017
OTTOBRE 2017
SETTEMBRE 2017
AGOSTO 2017
LUGLIO 2017
GIUGNO 2017
MAGGIO 2017
APRILE 2017
MARZO 2017
FEBBRAIO 2017
GENNAIO 2017
DICEMBRE 2016
NOVEMBRE 2016
OTTOBRE 2016
SETTEMBRE 2016
AGOSTO 2016
GIUGNO 2016
MAGGIO 2016
APRILE 2016
MARZO 2016
FEBBRAIO 2016
GENNAIO 2016
OTTOBRE 2015
 
Catalogo
 cerca
PROSSIME USCITE +
ANIMAZIONE E VIDEOGIOCHI +
ARTI +
DIRITTO ED ECONOMIA +
FILOSOFIA E STORIA +
NARRATIVA E POESIA +
SCIENZE SOCIALI +
STUDI IBERO E IBERO-AMERICANI +
UNISA +
PROMO +

Offerte
 cerca
SOCIALTOOLS +
STAMPA +

Promozioni
 
Il cacciatore celeste Roberto Calasso - Adelphi recensito da Angelo Giubileo petrini juvenilia edizione edizione editrice
Il cacciatore celeste Roberto Calasso - Adelphi recensito da Angelo Giubileo petrini juvenilia edizione edizione editrice
Il cacciatore celeste Roberto Calasso - Adelphi recensito da Angelo Giubileo petrini juvenilia edizione edizione editrice
Il cacciatore celeste Roberto Calasso - Adelphi recensito da Angelo Giubileo petrini juvenilia edizione edizione editrice

 
 
 
 
 
 
 
 
 
Tel. 39.089.821723
 
|
|
|
|
|
 
Clicca qui per personalizzare il sito
 
CPANEL
Theme color:
 
 
Font size:
 
10 pt
12 pt
14 pt
16 pt
18 pt
 
Background:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Il cacciatore celeste Roberto Calasso - Adelphi recensito da Angelo Giubileo petrini juvenilia edizione edizione editrice
Il cacciatore celeste Roberto Calasso - Adelphi recensito da Angelo Giubileo petrini juvenilia edizione edizione editrice
Il cacciatore celeste Roberto Calasso - Adelphi recensito da Angelo Giubileo petrini juvenilia edizione edizione editrice
Il cacciatore celeste Roberto Calasso - Adelphi recensito da Angelo Giubileo petrini juvenilia edizione edizione editrice
Il cacciatore celeste Roberto Calasso - Adelphi recensito da Angelo Giubileo petrini juvenilia edizione edizione editrice
Il cacciatore celeste Roberto Calasso - Adelphi recensito da Angelo Giubileo petrini juvenilia edizione edizione editrice
Home
Autori
Collane
Pubblica con noi
Condizioni di vendita
News
Contatti
Email
089.821723
328.9670221