La dea VERITA

Per questa volta, prover a dirvi, ma indirettamente, anche di me e della mia attivit di ricerca durata circa 30 anni. E a motivo del fatto che, tra i pochi che mi hanno seguito in questi anni, qualcuno ha seriamente dubitato che tale ricerca sia, come in effetti viceversa , giunta a un ldquopuntordquo cosiddetto di non-ritorno.E dunque, questa riflessione presuppone la lettura del testo precedente,Il fuso di Ananke, ma ancor pi tiene conto di unrsquoesperienza trentennale di vita e di conoscenza che condivide innanzitutto ilmetodoseguito da Heidegger nel commento alle parole di ParmenidePer sapere che cosa detto e pensato nelle parole di Parmenide, scegliamo la via pi sicura, seguiamo il testo. La traduzione allegata ne contiene gi lrsquointerpretazione. Tale interpretazione ha bisogno tuttavia di una delucidazione. Eppure, n la traduzione n la delucidazione hanno un peso fintanto che ci che pensato nella parola di Parmenide non ci tocca direttamente. Tutto dipende dal nostro prestare o meno attenzione al richiamo proveniente dalla parola pensante. Solo cos, prestando attenzione al richiamo, conosciamo il dettohellipE quindi, dalcaosprimigenio, nel quale alla maniera detta deigrecisiamo ldquogettatirdquo, procediamo nellrsquoopera didis-velamentodellrsquoesseresecondo lrsquoordine ldquoverordquo o presunto delcosmo, alla ricerca de dellrsquoessenza natura delle cose rerum.A questo, servita lrsquoepistemedeigreci. Ma, ancor prima, il racconto delle pi antiche e diverse teogonie o cosmogonie, che dir si voglia. Infatti, lrsquoepistemegrecanon ha rappresentato e non rappresenta altro che lrsquoapplicazione, riguardo allrsquoessere, del nuovometodo scientificogeo-metrico dimisurazionein combinato disposto - si direbbe oggi con termine giuridico di estrazioneromana- con le teorie dei nostri ldquopi antichi progenitorirdquo di cui dice Aristotele nella suaMetafisica.In che cosa consiste il metodo scientifico Quali sono iprincipiche regolano lrsquoosservazione e lrsquoanalisi della natura Si tratta di nuovi principi o, come anticipato, piuttosto degli stessi, potremmo anche dire, di sempre Principi, cio,umanie che quindi caratterizzano la ricerca dellrsquouomo, ab imis fundamentis.Lrsquoesperienza dei racconti cosmogonici delleoriginioltrepassa gli spazi-vuoti, senza confini, delmythos, del linguaggio cio dei ldquosapientirdquo, e approda nei confini, viceversa limitati, dellogos, del linguaggio cio razionale dei ldquofilosofirdquo e quindi dei primi cosiddettifisici.Facendo salva la traduzione e quantrsquoaltro qui precisato allrsquooccorrenza, per mezzo di Heidegger, lo stesso Aristotele evidenzia cheLa maggior parte di coloro che per primi filosofarono ritennero che i soli principi di tutte le cose fossero quelli di specie materiale, perch ci da cui tutte le cose hanno lrsquoessere, da cui originariamente derivano e in cui alla fine si risolvono, pur rimanendo la sostanza ma cambiando nelle sue qualit, questo essi dicono che lrsquoelemento, questo il principio delle cose e perci ritengono che niente si produce e niente si distrugge, poich una sostanza siffatta si conserva semprehellipIpostasi per la quale risultacorrettalrsquointerpretazione di Giorgio de Santillana allorch in particolare, concludendo con la collaborazione di Herta von Dechend, la sua pi celebre opera,Il mulino di Amleto, scrive cheSi renderanno superflue, per citare un solo caso, le discussioni sulle ldquoversionirdquo al plurale del ldquomito della creazione del mondordquo al singolare, per esempio nelRg-Vedacome pure la questione di a chi vada attribuita lrsquouna o lrsquoaltra versione agli abitanti originari o ai conquistatori, non appena si sostituir - ancora una volta di diritto - il termine ldquomondordquo con ldquoet del mondordquo anche la Bibbia parla di ldquoun nuovo cielo e una nuova terrardquo, e il termine ldquocreazionerdquo con il termine ldquomisurazionerdquohellipE quindi, ri-tornando alle teorie dei primi fisici, e in particolare a Democrito, ecco raccolto, sotto il velo della tradizione, il lascito di quella esperienza e quindi di quel pensiero, che ancora pu dirsi ldquoinizialerdquo alla maniera del detto di Heidegger, in uso secondo il metodo scientifico dellrsquoepisteme greca. In sintesiNiente accade a caso, ma tutte le cose accadono per ragione e di necessit detto gi attribuito a Leucippo.Niente pu essere creato dal niente, n pu essere distrutto e ridotto al niente.Non vi fine per lrsquouniverso, poich esso non fu creato da una qualche potenza esterna.Opinione il colore, opinione il dolce, opinione lrsquoamaro in verit nientrsquoaltro che atomi e il vuoto.E tuttavia, facile riscontrare chequestanon una ldquoveritrdquo condivisa da tutti gli uomini. Sia per il passato, che per il presente e presumibilmente per il futuro. I principi di verit, cos assunti e formulati, in base allrsquoesperienza comune riguardano infatti anchediversealtre assunzioni e quindi formulazioni. In proposito, riscontrandole anche nelle precedenti esperienze cosmogoniche dellrsquoantichit, ancora una volta Giorgio de Santillana afferma che esistono ldquotre forme di religione scientificardquo, alle quali in pratica possibile ricondurre esattamente ogni qual altra.Alla dicitura della rappresentazione delle medesime, tuttavia, egli presuppone che, come dice lrsquoAmletodi Shakespeare, ldquouna mente sgombra da timore il bene supremordquo. O meglio, come immaginerete,sialdquoil bene supremordquo. Quanto, altres trascurando il medesimo detto di molti altri noti personaggi attraverso i millenni, Seneca ha cio precisato riguardo allasuperstitiodiognireligione e quindi lrsquouso del terminesuperstitiointeso non in contrapposizione a quello direligio mentre, secondo la diversa tradizione, entrambi i termini fanno riferimento ai diversi usi praticati, in ogni tempo e non solo in epoca romanaTutta la volgare accozzaglia di dei creati dalla superstizione dei tempi antichi, noi dobbiamo adorarla, senza dimenticare per che siamo obbligati a far questo per dare lrsquoesempio e non perch quegli dei esistano.Tanto premesso, le tre forme di religione scientifica sono cos descritte e riassunte, quanto ai principi, da de SantillanaAEpicureismo. Sempre sulla scia del pensiero di Democrito, Epicuro si sottrae alprincipio drsquoinerziadel fisicoSe gli atomi si muovono, egli dice, perch essi ldquocadonordquo eternamente attraverso lo spazio infinito. Una pioggia eterna verso il nulla. Ma se le loro strade sono tutte parallele, come possono essi scontrarsi Qui Epicuro introduce il ldquocasordquo, in quanto distinto vuoi dalla ragione vuoi dalla necessithellipSi tratta dunquedellrsquoinesplicabile intervento dellaTyche, la Fortuna o il Caso.Che derivadal cuore stesso delle cose. E, mirabilmente aggiungeQuindi, essa eredit inalienabile di ogni uomo.Un esempiodesumibile a pieno titolo dalfondamentodel discorso biblico dellrsquoA.T., e in specie attraverso i primi due episodi relativi alla destinazione assegnazione della diversa ldquoterrardquo da abitare da dio allrsquouomo, in principio con Adamo terra e poi con Abramo, figura capostipite dei tre ancora attuali ldquomonoteismirdquo religiosi ebraismo, cristianesimo, islamismo, ldquolrsquoEbreordquo. Il cui significato bene tradurre con le parole ldquopassare oltrerdquo, ci che appunto avviene con lrsquoistituto giuridico dellrsquoeredit.Il Redattore, nelle toledot Terah, tesse la storia di Abramo, presentato come un nuovo Adamo che, dietro una vocazione divina e una alleanza, passa dalla terra del peccato, Ur dei Caldei, alla terra promessa, migliore dello stesso Paradiso dei Progenitori, ove fonda la BetrsquoAbraham la casa di Abrahamo, riceve il figlio della Promessa, Isacco, che sar lrsquounico erede delle benedizioni divine CEI 1983.E tuttavia, fino allrsquoavvento di Giacobbe, che, per volere del dio, cambier il nome in Israele.E cos, attraverso il Salmo, fino allrsquoavvento prima del Cristo e poi, ancora nella promessa dellrsquoApocalisse, dildquocieli e terra nuovirdquodefinitivi.BNeoplatonismo. Secondo lrsquoldquooscurordquo linguaggio del mentore, le differenti teorie condurranno i seguaci del filosofo, e infine icristiani, a una forma in tali casi di ldquospiritualismo integralerdquo Plotino o viceversa di ldquoscetticismo totalerdquo Pirrone. Siamo nel campo delmisticismo, che nasce da unrsquoldquointuizionerdquo e si sottrae viceversa alla ragione. De Santillana conclude in proposito e dice che si tratta di unaldquometafisica della Lucerdquo cheportacon s anche lrsquoidea che la verit deve, in ultima analisi, essere intuitiva, e che solo lrsquointelletto ldquoverordquo o superiore pu percepire quella lucehellipSulplatonismo, e le forme che ne deriveranno, molto interessante il giudizio fornito da Plutarco, e in particolare, a proposito di Lafine deglioracoli, allorch precisahellip come dice Sofocle, anche le opere divine periscono, ma non gli di. Lrsquoessenza e il potere di questi fenomeni vanno ricercati nella natura e nella materia, dicono i sapienti, salvaguardando per, come giusto, la loro origine divina. assurdo e puerile credere che il dio stesso, come i ventriloqui soprannominati un tempo Euricli e oggi Pitoni, entri nel corpo dei profeti e parli servendosi della loro bocca e della loro voce come strumenti. Chi mescola dio alle funzioni umane non rispetta la sua maest, e offende la dignit e il prestigio della sua, superiore statura. Hai ragione disse Cleombroto. Ma siccome difficile comprendere e stabilire in qual modo e fino a che punto si possa far intervenire la provvidenza, succede che nellrsquoopinione di alcuni il dio non crsquoentra per niente, per altri invece egli la causa di tutte le cose senza eccezione. Ma n gli uni n gli altri tolgono la giusta misura. E dunque dice bene chi sostiene che Platone, presupponendo un elemento sottostante alle qualit in divenire ndash quello che viene chiamato oggi materia o natura ndash abbia liberato i filosofi da molte gravi difficolt. Ma, a mio parere, molte difficolt ancora pi gravi sono state risolte da quelli che immaginarono il genere dei demoni, a met fra di e uomini, il quale istituisce in certo modo un rapporto reciproco fra noi e la divinit. Poco importa se tale teoria si debba ai magi e a Zoroastro, o venga dalla Tracia e da Orfeo, oppure dallrsquoEgitto o dalla Frigia, come testimoniano le cerimonie di questi due paesi, pervase dal lutto e dal senso della morte sia nei riti orgiastici sia nei drammi sacrihellipCStoicismo. In proposito, anche de Santillana riprende il giudizio di Plutarco, sottolineandoche, pur non essendo uno stoico, era un osservatore acuto ben vero che la tanto ammirata comunit di Zenone, promotore della setta stoica, mira essenzialmente a questo noi non dovremmo vivere n in citt grandi n in citt piccole, sotto leggi distinte lrsquouna dallrsquoaltra, ma dovremmo considerare tutti gli uomini in generale come nostri compaesani e concittadini, obbedendo ad unrsquounica norma di vita e ad un unico ordine, come un gregge che pascoli in un solo prato comune, con uguale diritto per tutti. Questo scrisse Zenone, configurandosi, come in sogno, un certo schema di ordine civile e unrsquoimmagine di comunit filosofica. Ma Alessandro realizz in pratica quelle parole con le sue imprese poich egli non govern i Greci, secondo il consiglio di Aristotele, da principe moderato, infierendo contro i barbari come un tiranno n egli tratt amorevolmente i primi come amici e intrinseci, e disprezz gli altri quasi fossero animali o piante ci avrebbe riempito il suo impero di fuggiaschi incendiari e di tumulti e sedizioni. Ma ritenendosi inviato dal cielo come moderatore comune ed arbitro di tutte le nazioni, e sottomettendo con la forza coloro che non poteva associarsi con eque offerte di alleanza, egli tanto fece che assoggett sotto lo stesso governo tutte le nazioni, vicine e lontane. E poi, mescolando come in una coppa, vite, usi, costumi, matrimoni, tutto insieme, egli ordin che tutti considerassero loro patria tutta la terra abitatahellipLa trasposizione del principio di governo dellrsquoazione in ambito scientifico conduce fino e oltre a Newton,che -dice de Santillana -era un atomista per istintoDeve esserci un certo sottilissimo spiriton.d.r. oggi, la chiameremmo forzache pervade i corpi pi grossolani e sta nascosto in essi per la forza e lrsquoattrazione del quale le particelle dei corpi si attirano lrsquoun lrsquoaltra a distanze ravvicinate e, se contigue, coeriscono.Che emozione, nel leggere che Newton usa un termine, tradotto, ldquocoerisconordquo che a me ricorda il termine, tradotto, del matematico Godel, ldquocoerenterdquo. E, ancora soprattutto, nel leggere de Santillana che cos concludeIl vero conflitto degli ultimi secoli della nostra era non tra ldquoscienza e religionerdquo ma semmai tra il naturalismo romantico e una filosofia dellrsquoordine e del disegno. Il sentimento pagano di un organismo cosmico pu portare ad un elevato panteismo, ma la sua etica rimarr sempre naturalistica. Galileo e Newton, i quali credevano nel Disegno, erano cristiani, ma Diderot era ateo Goethe era un panteista. Ambedue questi ultimi erano discendenti degli stoici.Dicevo che sono trascorsi ormai 30 anni circa dallrsquoinizio della mia ricerca cfr.opac.sbn.italla voceangelo giubileodaLa terra promessa il mistico e il filosofodel 1988 aIl grande Pan vivodel 2017. Come giudica M. Yourcenar, nel suo taccuino di appunti, che correda il suoMemorie di Adrianohellipquello che potevo apprendere stato appreso. Occupiamoci ora di altri lavori.di Angelo GiubileoCome Scrivere un Libro, la Casa Editrice Edizioni Paguro un'Associazione Culturale e Casa Editrice con sede a Mercato San Severino in provincia di Salerno che nasce con lo scopo di praticare e propagandare tutte Ie attivit di natura culturale ed intellettuale legate al tessuto sociale, culturale, artistico ed economico. Edizioni Paguro cura la redazione e I'edizione di libri, testi e riviste che trattano ogni campo del sapere, tanto umanistico quanto scientifico. Pubblica volumi di carattere accademico e non in materia di arte, diritto, economia, filosofia, sto ria, politica, sociologia, antropologia, letteratura, narrativa, poesia, matematica, fisica, biologia e molto altro ancora. Edizioni Paguro si impegna a promuovere, pubblicizzare, distribuire e commercializzare i diversi prodotti e servizi di natura editoria le e non realizzati e erogati per mezzo di una rete ben strutturata di canali tradizionali, reti informatiche e telematiche. All'editoria tradizionale, Edizione Paguro affianca, su esplicita commissione dei propri autori, una serie di attivit e servizi correlati quali; marketing d'auto re, produzione di materiale promozionale segnalibri customizzati, bigliettini da visita, locandine, manifesti ecc., organizzazione diretta eo indiretta di manifestazioni, convegni, dibattiti, seminari e corsi di formazione e di studio per enti pubblici eo privati, con mostre ed esposizioni di ogni genere. Edizioni Paguro fa della libert di espressione e di divulgazione delle idee il proprio credo, e sostiene, nel limite delle proprie possibilit, tutti coloro che vogliono dare inchiostro al proprio pensiero, purch lo facciano con rispetto, responsabilit e passione.

 
 
 
 
 
 
 
 
Edizioni Paguro
Catalogo
Collane
Autori
Pubblica con noi
Eventi/News
Downloads
 
Edizioni Paguro
 
AREA CLIENTI
 
COMUNICAZIONI
 
LA CASA EDITRICE
 
RETE DI VENDITA
 
INFORMAZIONI
 
La dea VERITA wordpress frassinelli ad autori olschki
 
La dea VERITA'
La dea VERITA'
453-308|||
La dea VERITA'

Per questa volta, proverò a dirvi, ma indirettamente, anche di me e della mia attività di ricerca durata circa 30 anni. E a motivo del fatto che, tra i pochi che mi hanno seguito in questi anni, qualcuno ha seriamente dubitato che tale ricerca sia, come in effetti viceversa è, giunta a un “punto” cosiddetto di non-ritorno.

E dunque, questa riflessione presuppone la lettura del testo precedente, Il fuso di Ananke, ma ancor più tiene conto di un’esperienza trentennale di vita e di conoscenza che condivide innanzitutto il metodo seguito da Heidegger nel commento alle parole di Parmenide:

Per sapere che cosa è detto e pensato nelle parole di Parmenide, scegliamo la via più sicura, seguiamo il testo. La traduzione allegata ne contiene già l’interpretazione. Tale interpretazione ha bisogno tuttavia di una delucidazione. Eppure, né la traduzione né la delucidazione hanno un peso fintanto che ciò che è pensato nella parola di Parmenide non ci tocca direttamente. Tutto dipende dal nostro prestare o meno attenzione al richiamo proveniente dalla parola pensante. Solo così, prestando attenzione al richiamo, conosciamo il detto…

E quindi, dal caos primigenio, nel quale alla maniera detta dei greci siamo “gettati”, procediamo nell’opera di dis-velamento dell’essere secondo l’ordine “vero” o presunto del cosmo, alla ricerca (de) dell’essenza (natura) delle cose (rerum).

A questo, è servita l’episteme dei greci. Ma, ancor prima, il racconto delle più antiche e diverse teogonie o cosmogonie, che dir si voglia. Infatti, l’episteme greca non ha rappresentato e non rappresenta altro che l’applicazione, riguardo all’essere, del nuovometodo scientifico (geo-metrico) di misurazione in combinato disposto - si direbbe oggi con termine giuridico di estrazioneromana - con le teorie dei nostri “più antichi progenitori” di cui dice Aristotele nella sua Metafisica.

In che cosa consiste il metodo scientifico? Quali sono i principi che regolano l’osservazione e l’analisi della natura? Si tratta di nuovi principi o, come anticipato, piuttosto degli stessi, potremmo anche dire, di sempre? Principi, cioè, umani e che quindi caratterizzano la ricerca dell’uomo, ab imis fundamentis.

L’esperienza dei racconti cosmogonici delle origini oltrepassa gli spazi-vuoti, senza confini, del mythos, del linguaggio cioè dei “sapienti”, e approda nei confini, viceversa limitati, del logos, del linguaggio cioè razionale dei “filosofi” e quindi dei primi cosiddetti fisici.

Facendo salva la traduzione e quant’altro qui precisato all’occorrenza, per mezzo di Heidegger, lo stesso Aristotele evidenzia che:

La maggior parte di coloro che per primi filosofarono ritennero che i soli principi di tutte le cose fossero quelli di specie materiale, perché ciò da cui tutte le cose hanno l’essere, da cui originariamente derivano e in cui alla fine si risolvono, pur rimanendo la sostanza ma cambiando nelle sue qualità, questo essi dicono che è l’elemento, questo il principio delle cose e perciò ritengono che niente si produce e niente si distrugge, poiché una sostanza siffatta si conserva sempre…

Ipostasi per la quale risulta corretta l’interpretazione di Giorgio de Santillana allorché in particolare, concludendo con la collaborazione di Herta von Dechend, la sua più celebre opera, Il mulino di Amleto, scrive che:

Si renderanno superflue, per citare un solo caso, le discussioni sulle “versioni” (al plurale) del “mito della creazione del mondo” (al singolare), per esempio nel Rg-Veda come pure la questione di a chi vada attribuita l’una o l’altra versione (agli abitanti originari o ai conquistatori), non appena si sostituirà - ancora una volta di diritto - il termine “mondo” con “età del mondo” (anche la Bibbia parla di “un nuovo cielo e una nuova terra”), e il termine “creazione” con il termine “misurazione”…

E quindi, ri-tornando alle teorie dei primi fisici, e in particolare a Democrito, ecco raccolto, sotto il velo della tradizione, il lascito di quella esperienza e quindi di quel pensiero, che ancora può dirsi “iniziale” alla maniera del detto di Heidegger, in uso secondo il metodo scientifico dell’episteme greca. In sintesi:

Niente accade a caso, ma tutte le cose accadono per ragione e di necessità ((detto) già attribuito a Leucippo).

Niente può essere creato dal niente, né può essere distrutto e ridotto al niente.

Non vi è fine per l’universo, poiché esso non fu creato da una qualche potenza esterna.

Opinione il colore, opinione il dolce, opinione l’amaro; in verità nient’altro che atomi e il vuoto.

E tuttavia, è facile riscontrare che questa non è una “verità” condivisa da tutti gli uomini. Sia per il passato, che per il presente e presumibilmente per il futuro. I principi di verità, così assunti e formulati, in base all’esperienza comune riguardano infatti anche diverse (altre) assunzioni e quindi formulazioni. In proposito, riscontrandole anche nelle precedenti esperienze cosmogoniche dell’antichità, ancora una volta Giorgio de Santillana afferma che esistono “tre forme di religione scientifica”, alle quali in pratica è possibile ricondurre esattamente ogni qual altra.

Alla dicitura della rappresentazione delle medesime, tuttavia, egli presuppone che, come dice l’Amleto di Shakespeare, “una mente sgombra da timore è il bene supremo”. O meglio, come immaginerete, sia “il bene supremo”. Quanto, altresì trascurando il medesimo detto di molti altri noti personaggi attraverso i millenni, Seneca ha cioè precisato riguardo alla superstitio di ogni religione (e quindi l’uso del termine superstitio inteso non in contrapposizione a quello di religio; mentre, secondo la diversa tradizione, entrambi i termini fanno riferimento ai diversi usi praticati, in ogni tempo e non solo in epoca romana):

Tutta la volgare accozzaglia di dei creati dalla superstizione dei tempi antichi, noi dobbiamo adorarla, senza dimenticare però che siamo obbligati a far questo per dare l’esempio e non perché quegli dei esistano.

Tanto premesso, le tre forme di religione scientifica sono così descritte e riassunte, quanto ai principi, da de Santillana:

A)Epicureismo. Sempre sulla scia del pensiero di Democrito, Epicuro si sottrae al principio d’inerzia del fisico: 

Se gli atomi si muovono, egli dice, è perché essi “cadono” eternamente attraverso lo spazio infinito. Una pioggia eterna verso il nulla. Ma se le loro strade sono tutte parallele, come possono essi scontrarsi? Qui Epicuro introduce il “caso”, in quanto distinto vuoi dalla ragione vuoi dalla necessità…

Si tratta dunque dell’inesplicabile intervento della Tyche, la Fortuna o il Caso. Che deriva dal cuore stesso delle cose. E, mirabilmente aggiunge:

Quindi, essa è eredità inalienabile di ogni uomo.

Un esempio desumibile a pieno titolo dal fondamento del discorso biblico dell’A.T., e in specie attraverso i primi due episodi relativi alla destinazione (assegnazione) della diversa “terra” (da abitare) da dio all’uomo, in principio con Adamo (terra) e poi con Abramo, figura capostipite dei tre ancora attuali “monoteismi” religiosi (ebraismo, cristianesimo, islamismo), “l’Ebreo”. Il cui significato è bene tradurre con le parole “passare oltre”, ciò che appunto avviene con l’istituto giuridico dell’eredità.

Il Redattore, nelle toledot Terah, tesse la storia di Abramo, presentato come un nuovo Adamo che, dietro una vocazione divina e una alleanza, passa dalla terra del peccato, Ur dei Caldei, alla terra promessa, migliore dello stesso Paradiso dei Progenitori, ove fonda la Bet’Abraham (= la casa di Abrahamo), riceve il figlio della Promessa, Isacco, che sarà l’unico erede delle benedizioni divine (CEI 1983).

E tuttavia, fino all’avvento di Giacobbe, che, per volere del dio, cambierà il nome in Israele. E così, attraverso il Salmo, fino all’avvento prima del Cristo e poi, ancora nella promessa dell’Apocalisse, di “cieli e terra nuovi” definitivi.

B)Neoplatonismo. Secondo l’“oscuro” linguaggio del mentore, le differenti teorie condurranno i seguaci del filosofo, e infine i cristiani, a una forma in tali casi di “spiritualismo integrale” (Plotino) o viceversa di “scetticismo totale” (Pirrone). Siamo nel campo del misticismo, che nasce da un’“intuizione” e si sottrae viceversa alla ragione. De Santillana conclude in proposito e dice che si tratta di una:

“metafisica della Luce” (che) porta con sé anche l’idea che la verità deve, in ultima analisi, essere intuitiva, e che solo l’intelletto “vero” o superiore può percepire quella luce…   

Sul platonismo, e le forme che ne deriveranno, molto interessante è il giudizio fornito da Plutarco, e in particolare, a proposito di La fine degli oracoli, allorché precisa:

[…] come dice Sofocle, anche le opere divine periscono, ma non gli dèi. «L’essenza e il potere di questi fenomeni vanno ricercati nella natura e nella materia, dicono i sapienti, salvaguardando però, come è giusto, la loro origine divina. È assurdo e puerile credere che il dio stesso, come i ventriloqui soprannominati un tempo Euricli e oggi Pitoni, entri nel corpo dei profeti e parli servendosi della loro bocca e della loro voce come strumenti. Chi mescola dio alle funzioni umane non rispetta la sua maestà, e offende la dignità e il prestigio della sua, superiore statura». «Hai ragione» disse Cleombroto. «Ma siccome è difficile comprendere e stabilire in qual modo e fino a che punto si possa far intervenire la provvidenza, succede che nell’opinione di alcuni il dio non c’entra per niente, per altri invece egli è la causa di tutte le cose senza eccezione. Ma né gli uni né gli altri tolgono la giusta misura. E dunque dice bene chi sostiene che Platone, presupponendo un elemento sottostante alle qualità in divenire – quello che viene chiamato oggi materia o natura – abbia liberato i filosofi da molte gravi difficoltà. Ma, a mio parere, molte difficoltà ancora più gravi sono state risolte da quelli che immaginarono il genere dei demoni, a metà fra dèi e uomini, il quale istituisce in certo modo un rapporto reciproco fra noi e la divinità. Poco importa se tale teoria si debba ai magi e a Zoroastro, o venga dalla Tracia e da Orfeo, oppure dall’Egitto o dalla Frigia, come testimoniano le cerimonie di questi due paesi, pervase dal lutto e dal senso della morte sia nei riti orgiastici sia nei drammi sacri…

C)Stoicismo. In proposito, anche de Santillana riprende il giudizio di Plutarco, sottolineando che, pur non essendo uno stoico, era un osservatore acuto:

È ben vero che la tanto ammirata comunità di Zenone, promotore della setta stoica, mira essenzialmente a questo: noi non dovremmo vivere né in città grandi né in città piccole, sotto leggi distinte l’una dall’altra, ma dovremmo considerare tutti gli uomini in generale come nostri compaesani e concittadini, obbedendo ad un’unica norma di vita e ad un unico ordine, come un gregge che pascoli in un solo prato comune, con uguale diritto per tutti. Questo scrisse Zenone, configurandosi, come in sogno, un certo schema di ordine civile e un’immagine di comunità filosofica. Ma Alessandro realizzò in pratica quelle parole con le sue imprese; poiché egli non governò i Greci, secondo il consiglio di Aristotele, da principe moderato, infierendo contro i barbari come un tiranno; né egli trattò amorevolmente i primi come amici e intrinseci, e disprezzò gli altri quasi fossero animali o piante; ciò avrebbe riempito il suo impero di fuggiaschi incendiari e di tumulti e sedizioni. Ma ritenendosi inviato dal cielo come moderatore comune ed arbitro di tutte le nazioni, e sottomettendo con la forza coloro che non poteva associarsi con eque offerte di alleanza, egli tanto fece che assoggettò sotto lo stesso governo tutte le nazioni, vicine e lontane. E poi, mescolando come in una coppa, vite, usi, costumi, matrimoni, tutto insieme, egli ordinò che tutti considerassero loro patria tutta la terra abitata…

La trasposizione del principio di governo dell’azione in ambito scientifico conduce fino (e oltre) a Newton, che - dice de Santillana - era un atomista per istinto:

Deve esserci un certo sottilissimo spirito (n.d.r.: oggi, la chiameremmo forza) che pervade i corpi più grossolani e sta nascosto in essi; per la forza e l’attrazione del quale le particelle dei corpi si attirano l’un l’altra a distanze ravvicinate e, se contigue, coeriscono.

Che emozione!, nel leggere che Newton usa un termine, tradotto, “coeriscono” che a me ricorda il termine, tradotto, del matematico Godel, “coerente”. E, ancora soprattutto, nel leggere de Santillana che così conclude:

Il vero conflitto degli ultimi secoli della nostra era non è tra “scienza e religione” ma semmai tra il naturalismo romantico e una filosofia dell’ordine e del disegno. Il sentimento pagano di un organismo cosmico può portare ad un elevato panteismo, ma la sua etica rimarrà sempre naturalistica. Galileo e Newton, i quali credevano nel Disegno, erano cristiani, ma Diderot era ateo; Goethe era un panteista. Ambedue questi ultimi erano discendenti degli stoici.

Dicevo che sono trascorsi ormai 30 anni circa dall’inizio della mia ricerca (cfropac.sbn.it/ alla voce angelo giubileo)da La terra promessa (il mistico e il filosofo) del 1988 a Il grande Pan è vivo del 2017. Come giudica M. Yourcenar, nel suo taccuino di appunti, che correda il suo Memorie di Adriano:

[…] quello che potevo apprendere è stato appreso. Occupiamoci ora di altri lavori.

di Angelo Giubileo

La dea VERITA wordpress frassinelli ad autori olschki
La dea VERITA wordpress frassinelli ad autori olschki
La dea VERITA wordpress frassinelli ad autori olschki
La dea VERITA wordpress frassinelli ad autori olschki

Leggi anche:
Filosofia
Che cos' il DESTRUTTURALISMO?
Inesorabilmente, ogni «termine» del linguaggio, quale che sia, subisce l’usura del tempo, che è Crono...
>>
Filosofia
Il fuso di Ananke
Il periodico La Lettura nell’edizione del 6 agosto u.s. informa che Kevin Mulligan, filosofo inglese nato nel ...
>>
FILOSOFIA ANTICA
IL PARADISO DI APOFI
L’ideologia dominante ha il potere di de-costruire i canoni e le tradizioni pre-esistenti, sostituendoli con nuovi....
>>
POESIA
AMBIENTE & POESIAA. Liriche di Anna Maria Noia
ODE SUL “RIGOPIANO” E la montagna si ripiegò su sé stessa, sprofondò!Ammantata di candida ...
>>
NUOVE TECNOLOGIE
STAGE IUDAV. Formiamo e Cresciamo Talenti nel campo delle Nuove Tecnologie
Dopo 3 giorni intensi di sviluppo il primo di una serie esperienze videoludiche creato da Edoardo Galati e Sergio Mazzola &egr...
>>
POLITICA INTERNAZIONALE
Brexit e non solo...
I trattati dell’Unione Europea non prevedono l’uscita di ogni singolo stato-nazione dall’organizzazione sovrao...
>>
Filosofia
Verita' e sistemi alternativi
Vi è in questo universo una supercoscienza, corrispondente a quello che noi, appartenendo ad una tradizione posteriore,...
>>
Filosofia
La Verit dei Social
I nuovi strumenti Social hanno un enorme potenzialità, che è quella di com-prendere più facilmente la logic...
>>
FINANZA
Un 2017 tra streghe ed evasori
Di seguito, una mia ricostruzione dei valori nominali delle poste di bilancio sui dati in percentuale, approssimati ai decimal...
>>
NEWSLETTER
ISCRIVITI
VUOI RICEVERE LE NOSTRE NEWS?
La dea VERITA wordpress frassinelli ad autori olschki
CATEGORIE
AUTORI
CURIOSIT
FILOSOFIA
ACCESSORI DA LETTORE
CORSI DI FORMAZIONE
FILOSOFIA ANTICA
FINANZA
LEZIONI DI FILOSOFIA ANTICA
LIBRERIE
MOSTRE MERCATO S. SEVERINO
NUOVE TECNOLOGIE
POESIA
POLITICA INTERNAZIONALE
RECENSIONI
STORIA MEDIOEVALE
TELEVISIONE
CONCORSI LETTERARI 2018
LETTERE DA BABBO NATALE
CONCORSI LETTERARI 2019
DREAMZZZ... ANTOLOGIA
EDIZIONI PAGURO
INFORMAZIONI
EVENTI
ARTE
FIERE
POESIA
SPORT
UNISA
IMPEGNO SOCIALE
BULLISMO
MOSTRE
ESTASI
MOSTRE
TRINITA
PREMI
POESIA
PUBBLICAZIONI
SALERNO
RECENSIONI
FILOSOFIA
POESIA
STORIA
SCRIPTOR DIXIT
FILOSOFIA
POESIA
SIAE - SI ILLUMINA
LETTERATURA FANTASY
ARCHIVIO
GIUGNO 2019
GENNAIO 2019
NOVEMBRE 2018
OTTOBRE 2018
SETTEMBRE 2018
LUGLIO 2018
APRILE 2018
MARZO 2018
DICEMBRE 2017
NOVEMBRE 2017
OTTOBRE 2017
SETTEMBRE 2017
AGOSTO 2017
LUGLIO 2017
GIUGNO 2017
MAGGIO 2017
APRILE 2017
MARZO 2017
FEBBRAIO 2017
GENNAIO 2017
DICEMBRE 2016
NOVEMBRE 2016
OTTOBRE 2016
SETTEMBRE 2016
AGOSTO 2016
GIUGNO 2016
MAGGIO 2016
APRILE 2016
MARZO 2016
FEBBRAIO 2016
GENNAIO 2016
OTTOBRE 2015
 
Catalogo
 cerca
PROSSIME USCITE +
ANIMAZIONE E VIDEOGIOCHI +
ARTI +
DIRITTO ED ECONOMIA +
FILOSOFIA E STORIA +
NARRATIVA E POESIA +
SCIENZE SOCIALI +
STUDI IBERO E IBERO-AMERICANI +
UNISA +
PROMO +

Offerte
 cerca
SOCIALTOOLS +
STAMPA +

Promozioni
 
La dea VERITA wordpress frassinelli ad autori olschki
La dea VERITA wordpress frassinelli ad autori olschki
La dea VERITA wordpress frassinelli ad autori olschki
La dea VERITA wordpress frassinelli ad autori olschki

 
 
 
 
 
 
 
 
 
Tel. 39.089.821723
 
|
|
|
|
|
 
Clicca qui per personalizzare il sito
 
CPANEL
Theme color:
 
 
Font size:
 
10 pt
12 pt
14 pt
16 pt
18 pt
 
Background:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
La dea VERITA wordpress frassinelli ad autori olschki
La dea VERITA wordpress frassinelli ad autori olschki
La dea VERITA wordpress frassinelli ad autori olschki
La dea VERITA wordpress frassinelli ad autori olschki
La dea VERITA wordpress frassinelli ad autori olschki
La dea VERITA wordpress frassinelli ad autori olschki
Home
Autori
Collane
Pubblica con noi
Condizioni di vendita
News
Contatti
Email
089.821723
328.9670221