Verita e sistemi alternativi

Vi in questo universo una supercoscienza, corrispondente a quello che noi, appartenendo ad una tradizione posteriore, chiameremmo Dio La risposta dovrebbe essere non pi che in Esiodo, il diretto predecessore di Anassimandro G. de Santillana, Le origini del pensiero scientifico.Pertanto, cosa dice a tale proposito Esiodo Dunque, per primo fu Caos, e poi tutte le cose, di cui le divinit sono immagini e quindi rappresentazioni, finch - continua e precisa de Santillana - non si insedia sul trono Zeus, che regna su una base pi o meno costituzionale.Il Caos, dio primigenio, - diversamente da quanto oggi comunemente si pensa e si dice - lo Spazio Illimitato dellrsquoinizio, germe da cui il mondo ha avuto origine. Il concetto di ldquospaziordquo non ha qui in alcun modo a che fare con il concetto di moto o movimento di un corpo in relazione quindi alla misura del ldquotempordquo. Pertanto, a nulla rileverebbe il fatto se questa ldquooriginerdquo sia effetto di un quid che precede oppure sia essa stessa lrsquoinizio che e, in assenza eventuale di moto, sia esso stesso eterno. La tesi di Esiodo escluderebbe quindi lrsquoesistenza di ldquoDiordquo. Ma vediamo meglio, il perch.La tradizione storica, in genere ancora oggi, fa risalire lrsquoinizio del pensiero filosofico e quindi del Logos, almeno per quanto riguarda la Grecia classica, per lrsquoappunto ad Anassimandro e costui tra i primi cosiddetti fisici o studiosi della ldquonaturardquo secondo le modalit che, almeno oggi e qui nel prosieguo del testo scopriremo ancora bene il perch, contraddistinguono la ricerca ldquoscientificardquo che si basa sullrsquouso di entrambi i metodi sia di tipo induttivo dal particolare al generale che deduttivo dal generale al particolare. De Santillana, attraverso un semplice esempio, ci aiuta in effetti a capire la folgore non pi un attributo di Zeus e diventa fuoco ldquoche scoppiardquo da una nuvola, fenomeno che, se confermato, potrebbe dare luogo a un principio. Tornando allrsquoimmagine del Caos dellrsquoinizio, Anassimandro dice dunque che si tratta dellrsquoIllimitato che contiene e governa ogni cosa. Un sistema, cio, che de Santillana non esita a definire autoregolatore. Altres, un meccanismo coerente, secondo una forma aggettivante che serve a spiegare le conclusioni dei teoremi drsquoindecidibilit del matematico Kurt Godel 1906-1978, anchrsquoegli senzrsquoaltro proteso alla vana ricerca di ldquouna prova finitisticardquo dellrsquoesistenza o meno di ldquoDiordquo a tale proposito, lrsquoastrofisico Hawking avrebbe poi parlato di ldquoTuttordquo. E quindi Anassimandro fu indotto a ideare un qualche meccanismo coerente, Aristofane doveva n.d.r. per commentare pi tardi lsquohanno detronizzato Zeus, e ora il Vortice rersquo.Indirettamente, per lrsquouso che qui pi interessa, la conferma innanzitutto che questa stessa storia narrata da Aristofane - senzrsquoaltro relativa a una fattispecie di mutamento di unrsquoimmagine nel tempo, e quindi unrsquoesperienza di moto, ma meglio diremmo, e cos esamineremo, relativa allrsquointroduzione di un sistema alternativo - si ripeteva e finanche si ripeta a ogni epoca e quindi riteniamo, in continuit storica, da almeno lrsquoera cosiddetta del Paleolitico. Il meccanismo di un sistema alternativo, e per entrambi i quali, pu valere il ldquogiudiziordquo storico di U. Eco ldquoogni epoca ha il suo postmodernordquo. La partita, ci piace dire, giocata anche sulla scacchiera del ldquoTempordquo, e questo in quanto misura del movimento e quindi del ldquodivenirerdquo delle cose presenti in ldquonaturardquo. Invece dei dadi o qualsiasi altro strumento in uso al linguaggio del Mythos, i Greci decidono di servirsi del ldquoLogosrdquo, un nuovo strumento ldquoformalerdquo. Ed a questo punto, in maniera decisiva per il futuro dei successivi allrsquoincirca 2400 anni, che entra in gioco Aristotele.Egli sa bene, e difatti lo scrive, che La maggior parte di coloro che per primi filosofarono ritennero che i soli principi di tutte le cose fossero quelli di specie materiale, perch ci da cui tutte le cose hanno lrsquoessere, da cui originariamente derivano e in cui alla fine si risolvono, pur rimanendo la sostanza ma cambiando nelle sue qualit, questo essi dicono che lrsquoelemento, questo il principio delle cose e perci ritengono che niente si produce e niente si distrugge, poich una sostanza siffatta si conserva sempre DK metaph. A3. 983 b 6 sgg. hellip Ci devrsquoessere una qualche sostanza, o una pi di una, da cui le altre cose vengono allrsquoesistenza, mentre essa permane DK metaph. 13. 983 b 17.Aristotele sa che non pu annullare la ldquodinamicardquo dal greco delta973nualphamuiotasigmaf, che indica innanzitutto potenza dei corpi, e tuttavia egli si cura di costruire unrsquoalternativa di sistema, e quindi un sistema alternativo drsquointerpretazione della realt nel trattato dal titolo Piepsilonrho943 7953rhomuetanuepsilon943alphasigmaf o Sullrsquointerpretazione, categoriale, e in definitiva quale che essa stessa sia o dimostri di essere. Pertanto, sulla scia di Platone che definisce il tempo come ldquoimmagine mobile dellrsquoeternitrdquo, egli elabora il concetto di ldquosostanzardquo.E sostanza omicron8016sigma943alpha il sostrato 8017piomicronkappaepsilon943muepsilonnuomicronnu, il quale, in un senso, significa la materia dico materia ci che non un alcunch di determinato in atto, ma un alcunch di determinato solo in potenza, in un secondo senso significa lessenza e la forma la quale, essendo un alcunch di determinato, pu essere separata con il pensiero, e, in un terzo senso, significa il composto di materia e di forma Aristotele, Metafisica, VII, 1042a, traduzione di G. Reale.Per Aristotele, la ldquosostanzardquo quindi esattamente ci che non muta, e pertanto non importa se essa sia in ldquopotenzardquo o in ldquoattordquo ci che essa stessa . In base al logos aristotelico, la distinzione tra potenza e atto non serve ad altro che a giustificare, ma in base al solo ed esclusivo ragionamento del logos, lrsquoimmagine o la ldquoformardquo del movimento dei corpi. Per comprendere appieno il rapporto, che lega la ldquosostanzardquo alla ldquoformardquo di Aristotele, ancora utile ritornare al ragionamento sviluppato nel prosieguo dello stesso paragrafo del testo di de Santillana.Anassimandro, come Solone, concepiva le cose, senza rendersene del tutto conto, nei termini della polis, in quanto essa era lrsquounico sistema autoregolatore che conoscesse. Vero Falso E qui, il discorso si fa davvero interessante anche per noi ldquomodernirdquo democratici hellip lrsquoIllimitato non d ordini, come del resto non aveva fatto neppure la Terra-Madre delle antiche teogonie hellip ordini che tuttavia, aggiungerei, non avessero comunque gi provveduto a dare re, imperatori, faraoni e sacerdoti a vario titolo del tempo passato, presente e ancora futuro.Che cosrsquo dunque accaduto Semplificando, dice de Santillana, ha avuto origine il ldquopensiero scientificordquo. E come si manifestato tutto questo Semplice lo stampo antropomorfico stato infranto non si tratta pi della natura concepita come immagine della societ, ma semmai del contrario, nella grande equazione che abbraccia entrambi gli aspetti hellipErsquo bene ribadire la natura non pi lrsquoimmagine della societ, viceversa la societ lrsquoimmagine della natura. Risuona dunque lrsquoeco della Genesi biblica, ma solo nel punto esatto in cui la ldquosocietrdquo degli uomini ldquomaschio e femminardquo li cre, sebbene nello stesso testo della Genesi si dica anche, e viceversa, che Dio cre solo lrsquoUomo ldquoAdamrdquo cfr. H. Arendt, Vita activa, concepita a immagine e somiglianza di Dio. E le altre cose Ovvero, tutto il resto della creazione Sar asservito allrsquouomo e alla societ degli uomini medesimi. Quale abominioMa il diverso sistema, elaborato da Aristotele, avrebbe poi retto alla cosiddetta ldquoprova dei fattirdquo Vi in questo universo una supercoscienza, corrispondente a quello che noi, appartenendo ad una tradizione posteriore, chiameremmo Dio Ancora una volta La risposta dovrebbe essere non pi che in Esiodo, il diretto predecessore di Anassimandro.Molti, finanche troppi, secoli dopo Aristotele, allrsquoinizio del periodo storico che detto Moderno, emerger di nuovo quanto sostenuto dal nuovo filosofo, che Leibniz ldquoinostri ragionamenti sono fondati su due grandi principi quello della contraddizione, per cui ti richiamo falso ci che implica contraddizione vero ci che opposto al falso, e quello della ragion sufficiente, in virt del quale giudichiamo impossibile che alcun fatto sia vero od esiste se non v ragione sufficiente perch sia cos e non altrimentirdquo Monadologia.In base al primo principio - che presuppone e per cos dire assorbe o ingloba il principio cosiddetto drsquoidentit -, Aristotele sviluppa il concetto di verit di ragione. Al principio di ragion sufficiente, risalgono invece le verit di fatto.Nel sistema aristotelico, la verit espressione di un giudizio ldquoanaliticordquo del tipo il triangolo ha tre angoli. Tale tipo di giudizio presuppone lrsquoidentit del soggetto il triangolo, che espressa dal predicato ha tre angoli e pertanto appare evidente che il predicato non dice e quindi non aggiunge altro a ci che gi pertiene ndash per definizione - al soggetto di modo che si pu ben dire che siamo in presenza di una tautologia e tuttavia determinata dalla ragione o per meglio dire, sulla scia di Leibniz e Cartesio, dal pensiero o ldquores cogitansrdquo o psichica.Viceversa, in base al principio di ragion sufficiente, pur connettendo soggetto e predicato, le verit di fatto operano in modo che il predicato non inerente al soggetto bens alla realt storica o ldquofattordquo esterno res extensa o fisica. E cos, a esempio, si esplica anche come la cosa che noi umani chiamiamo albero possa avere unrsquoesistenza sua propria anche prima della nostra eventuale comparsa sul pianeta, secondo lo schema o modello che denota il sistema dellrsquoevoluzionismo.Ci detto, in definitiva non resta che affidarci alle conclusioni di de Santillana, e quindi riprendere esattamente il filo di Arianna del discorso pi volte interrottoLa physis, la cui giustizia venuta ad identificarsi con la ragione astratta, diventata autonoma, anzi automatica. Troviamo dunque qui il primo fondamento di un modo di pensare che verr poi chiamato razionalismo scientifico. Lo si pu formulare cos Tutto ci che si pu dedurre necessariamente da premesse che consideriamo vere, risulter esistente in qualche momento, in qualche posto, in qualche modo hellipSalvo che, a ogni istante, la natura mostri esattamente il contrario. Angelo Giubileo Come Scrivere un Libro, la Casa Editrice Edizioni Paguro un'Associazione Culturale e Casa Editrice con sede a Mercato San Severino in provincia di Salerno che nasce con lo scopo di praticare e propagandare tutte Ie attivit di natura culturale ed intellettuale legate al tessuto sociale, culturale, artistico ed economico. Edizioni Paguro cura la redazione e I'edizione di libri, testi e riviste che trattano ogni campo del sapere, tanto umanistico quanto scientifico. Pubblica volumi di carattere accademico e non in materia di arte, diritto, economia, filosofia, sto ria, politica, sociologia, antropologia, letteratura, narrativa, poesia, matematica, fisica, biologia e molto altro ancora. Edizioni Paguro si impegna a promuovere, pubblicizzare, distribuire e commercializzare i diversi prodotti e servizi di natura editoria le e non realizzati e erogati per mezzo di una rete ben strutturata di canali tradizionali, reti informatiche e telematiche. All'editoria tradizionale, Edizione Paguro affianca, su esplicita commissione dei propri autori, una serie di attivit e servizi correlati quali marketing d'auto re, produzione di materiale promozionale segnalibri customizzati, bigliettini da visita, locandine, manifesti ecc., organizzazione diretta eo indiretta di manifestazioni, convegni, dibattiti, seminari e corsi di formazione e di studio per enti pubblici eo privati, con mostre ed esposizioni di ogni genere. Edizioni Paguro fa della libert di espressione e di divulgazione delle idee il proprio credo, e sostiene, nel limite delle proprie possibilit, tutti coloro che vogliono dare inchiostro al proprio pensiero, purch lo facciano con rispetto, responsabilit e passione.

 
 
 
 
 
 
 
 
Edizioni Paguro
Catalogo
Collane
Autori
Pubblica con noi
Eventi/News
Downloads
 
Edizioni Paguro
 
AREA CLIENTI
 
COMUNICAZIONI
 
LA CASA EDITRICE
 
RETE DI VENDITA
 
INFORMAZIONI
 
Verita e sistemi alternativi editore casa editore roberto oxford
 
Verita' e sistemi alternativi
Verita' e sistemi alternativi
660-350|||
Verita' e sistemi alternativi

Vi è in questo universo una supercoscienza, corrispondente a quello che noi, appartenendo ad una tradizione posteriore, chiameremmo Dio? La risposta dovrebbe essere: non più che in Esiodo, il diretto predecessore di Anassimandro (G. de Santillana, Le origini del pensiero scientifico).

Pertanto, cosa dice a tale proposito Esiodo? Dunque, per primo fu Caos, e poi tutte le cose, di cui le divinità sono immagini e quindi rappresentazioni, finché - continua e precisa de Santillana - non si insedia sul trono Zeus, che regna su una base più o meno costituzionale.

Il Caos, dio primigenio, è - diversamente da quanto oggi comunemente si pensa e si dice - lo Spazio Illimitato dell’inizio, germe da cui il mondo ha avuto origine. Il concetto di “spazio” non ha qui in alcun modo a che fare con il concetto di moto o movimento di un corpo in relazione quindi alla misura del “tempo”. Pertanto, a nulla rileverebbe il fatto se questa “origine” sia effetto di un quid che precede oppure sia essa stessa l’inizio che è; e, in assenza eventuale di moto, sia esso stesso eterno. La tesi di Esiodo escluderebbe quindi l’esistenza di “Dio”. Ma vediamo meglio, il perché.

La tradizione storica, in genere ancora oggi, fa risalire l’inizio del pensiero filosofico e quindi del Logos, almeno per quanto riguarda la Grecia classica, per l’appunto ad Anassimandro e costui tra i primi cosiddetti fisici o studiosi della “natura” secondo le modalità che, almeno oggi e qui nel prosieguo del testo scopriremo ancora bene il perchè, contraddistinguono la ricerca “scientifica” che si basa sull’uso di entrambi i metodi sia di tipo induttivo (dal particolare al generale) che deduttivo (dal generale al particolare). De Santillana, attraverso un semplice esempio, ci aiuta in effetti a capire: la folgore non è più un attributo di Zeus e diventa fuoco “che scoppia” da una nuvola, fenomeno che, se confermato, potrebbe dare luogo a un principio.

Tornando all’immagine del Caos dell’inizio, Anassimandro dice dunque che si tratta dell’Illimitato che contiene e governa ogni cosa. Un sistema, cioè, che de Santillana non esita a definire autoregolatore. Altresì, un meccanismo coerente, secondo una forma aggettivante che serve a spiegare le conclusioni dei teoremi d’indecidibilità del matematico Kurt Godel (1906-1978), anch’egli senz’altro proteso alla vana ricerca di “una prova finitistica” dell’esistenza o meno di “Dio”; a tale proposito, l’astrofisico Hawking avrebbe poi parlato di “Tutto”.

E quindi: Anassimandro fu indotto a ideare un qualche meccanismo coerente, Aristofane doveva (n.d.r.: però) commentare più tardi: ‘hanno detronizzato Zeus, e ora il Vortice è re’.

Indirettamente, per l’uso che qui più interessa, la conferma innanzitutto che questa stessa storia (narrata da Aristofane) - senz’altro relativa a una fattispecie di mutamento di un’immagine nel tempo, e quindi un’esperienza di moto, ma meglio diremmo, e così esamineremo, relativa all’introduzione di un sistema alternativo - si ripeteva e finanche si ripeta a ogni epoca e quindi riteniamo, in continuità storica, da almeno l’era cosiddetta del Paleolitico. Il meccanismo di un sistema alternativo, e per entrambi i quali, può valere il “giudizio” storico di U. Eco: “ogni epoca ha il suo postmoderno”. 

La partita, ci piace dire, è giocata (anche) sulla scacchiera del “Tempo”, e questo in quanto misura del movimento e quindi del “divenire” delle cose presenti in “natura”. Invece dei dadi o  qualsiasi altro strumento in uso al linguaggio del Mythos, i Greci decidono di servirsi del “Logos”, un nuovo strumento “formale”. Ed è a questo punto, in maniera decisiva per il futuro dei successivi all’incirca 2400 anni, che entra in gioco Aristotele.

Egli sa bene, e difatti lo scrive, che La maggior parte di coloro che per primi filosofarono ritennero che i soli principi di tutte le cose fossero quelli di specie materiale, perché ciò da cui tutte le cose hanno l’essere, da cui originariamente derivano e in cui alla fine si risolvono, pur rimanendo la sostanza ma cambiando nelle sue qualità, questo essi dicono che è l’elemento, questo il principio delle cose e perciò ritengono che niente si produce e niente si distrugge, poiché una sostanza siffatta si conserva sempre (DK metaph. A3. 983 b 6 sgg.) … Ci dev’essere una qualche sostanza, o una più di una, da cui le altre cose vengono all’esistenza, mentre essa permane (DK metaph. 13. 983 b 17).

Aristotele sa che non può annullare la “dinamica” (dal greco δύναμις, che indica innanzitutto potenza) dei corpi, e tuttavia egli si cura di costruire un’alternativa di sistema, e quindi un sistema alternativo d’interpretazione della realtà (nel trattato dal titolo Περί ἑρμηνείας o Sull’interpretazione), categoriale, e in definitiva quale che essa stessa sia o dimostri di essere. Pertanto, sulla scia di Platone che definisce il tempo come “immagine mobile dell’eternità”, egli elabora il concetto di “sostanza”.

E sostanza [οὐσία] è il sostrato [ὑποκείμενον], il quale, in un senso, significa la materia (dico materia ciò che non è un alcunché di determinato in atto, ma un alcunché di determinato solo in potenza), in un secondo senso significa l'essenza e la forma (la quale, essendo un alcunché di determinato, può essere separata con il pensiero), e, in un terzo senso, significa il composto di materia e di forma (Aristotele, Metafisica, VII, 1042a, traduzione di G. Reale).

Per Aristotele, la “sostanza” è quindi esattamente ciò che non muta, e pertanto non importa se essa sia in “potenza” o in “atto” ciò che essa stessa è. In base al logos aristotelico, la distinzione tra potenza e atto non serve ad altro che a giustificare, ma in base al solo ed esclusivo ragionamento del logos, l’immagine o la “forma” del movimento dei corpi.

Per comprendere appieno il rapporto, che lega la “sostanza” alla “forma” di Aristotele, è ancora utile ritornare al ragionamento sviluppato nel prosieguo dello stesso paragrafo del testo di de Santillana.

Anassimandro, come Solone, concepiva le cose, senza rendersene del tutto conto, nei termini della polis, in quanto essa era l’unico sistema autoregolatore che conoscesse. Vero? Falso? E qui, il discorso si fa davvero interessante anche per noi “moderni” democratici … l’Illimitato non dà ordini, come del resto non aveva fatto neppure la Terra-Madre delle antiche teogonie … ordini che tuttavia, aggiungerei, non avessero comunque già provveduto a dare re, imperatori, faraoni e sacerdoti a vario titolo del tempo passato, presente e ancora futuro.

Che cos’è dunque accaduto? Semplificando, dice de Santillana, ha avuto origine il “pensiero scientifico”. E come si è manifestato tutto questo? Semplice: lo stampo antropomorfico è stato infranto; non si tratta più della natura concepita come immagine della società, ma semmai del contrario, nella grande equazione che abbraccia entrambi gli aspetti

E’ bene ribadire: la natura non è più l’immagine della società, viceversa è la società l’immagine della natura. Risuona dunque l’eco della Genesi biblica, ma solo nel punto esatto in cui la “società” degli uomini (“maschio e femmina” li creò, sebbene nello stesso testo della Genesi si dica anche, e viceversa, che Dio creò solo l’Uomo “Adam”: cfr. H. Arendt, Vita activa), è concepita a immagine e somiglianza di Dio. E le altre cose? Ovvero, tutto il resto della creazione? Sarà asservito all’uomo e alla società degli uomini medesimi. Quale abominio!

Ma: il diverso sistema, elaborato da Aristotele, avrebbe poi retto alla cosiddetta “prova dei fatti”? Vi è in questo universo una supercoscienza, corrispondente a quello che noi, appartenendo ad una tradizione posteriore, chiameremmo Dio? Ancora una volta: La risposta dovrebbe essere: non più che in Esiodo, il diretto predecessore di Anassimandro.

Molti, finanche troppi, secoli dopo Aristotele, all’inizio del periodo storico che è detto Moderno, emergerà di nuovo quanto sostenuto dal nuovo filosofo, che è Leibniz: “inostri ragionamenti sono fondati su due grandi principi: quello della contraddizione, per cui ti richiamo falso ciò che implica contraddizione vero ciò che è opposto al falso, e quello della ragion sufficiente, in virtù del quale giudichiamo impossibile che alcun fatto sia vero od esiste se non v'è ragione sufficiente perché sia così e non altrimenti” (Monadologia).

In base al primo principio - che presuppone e per così dire assorbe o ingloba il principio cosiddetto d’identità -, Aristotele sviluppa il concetto di verità di ragione. Al principio di ragion sufficiente, risalgono invece le verità di fatto.

Nel sistema aristotelico, la verità è espressione di un giudizio “analitico” del tipo: il triangolo ha tre angoli. Tale tipo di giudizio presuppone l’identità del soggetto (il triangolo), che è espressa dal predicato (ha tre angoli); e pertanto appare evidente che il predicato non dice e quindi non aggiunge altro a ciò che già pertiene – per definizione - al soggetto; di modo che si può ben dire che siamo in presenza di una tautologia e tuttavia determinata dalla ragione o per meglio dire, sulla scia di Leibniz e Cartesio, dal pensiero o “res cogitans” (o psichica).

Viceversa, in base al principio di ragion sufficiente, pur connettendo soggetto e predicato, le verità di fatto operano in modo che il predicato non è inerente al soggetto bensì alla realtà storica o “fatto” esterno (res extensa o fisica). E così, a esempio, si esplica anche come la cosa che noi umani chiamiamo albero possa avere un’esistenza sua propria anche prima della nostra eventuale comparsa sul pianeta, secondo lo schema o modello che denota il sistema dell’evoluzionismo.

Ciò detto, in definitiva non resta che affidarci alle conclusioni di de Santillana, e quindi riprendere esattamente il filo di Arianna del discorso più volte interrotto:

La physis, la cui giustizia è venuta ad identificarsi con la ragione astratta, è diventata autonoma, anzi automatica. Troviamo dunque qui il primo fondamento di un modo di pensare che verrà poi chiamato razionalismo scientifico. Lo si può formulare così: Tutto ciò che si può dedurre necessariamente da premesse che consideriamo vere, risulterà esistente in qualche momento, in qualche posto, in qualche modo

Salvo che, a ogni istante, la natura mostri esattamente il contrario.

[ Angelo Giubileo ]

 

 
 
Verita e sistemi alternativi editore casa editore roberto oxford
Verita e sistemi alternativi editore casa editore roberto oxford
Verita e sistemi alternativi editore casa editore roberto oxford
Verita e sistemi alternativi editore casa editore roberto oxford

Leggi anche:
Filosofia
Che cos' il DESTRUTTURALISMO?
Inesorabilmente, ogni «termine» del linguaggio, quale che sia, subisce l’usura del tempo, che è Crono...
>>
Filosofia
La dea VERITA'
Per questa volta, proverò a dirvi, ma indirettamente, anche di me e della mia attività di ricerca durata circa 3...
>>
Filosofia
Il fuso di Ananke
Il periodico La Lettura nell’edizione del 6 agosto u.s. informa che Kevin Mulligan, filosofo inglese nato nel ...
>>
FILOSOFIA ANTICA
IL PARADISO DI APOFI
L’ideologia dominante ha il potere di de-costruire i canoni e le tradizioni pre-esistenti, sostituendoli con nuovi....
>>
POESIA
AMBIENTE & POESIAA. Liriche di Anna Maria Noia
ODE SUL “RIGOPIANO” E la montagna si ripiegò su sé stessa, sprofondò!Ammantata di candida ...
>>
NUOVE TECNOLOGIE
STAGE IUDAV. Formiamo e Cresciamo Talenti nel campo delle Nuove Tecnologie
Dopo 3 giorni intensi di sviluppo il primo di una serie esperienze videoludiche creato da Edoardo Galati e Sergio Mazzola &egr...
>>
POLITICA INTERNAZIONALE
Brexit e non solo...
I trattati dell’Unione Europea non prevedono l’uscita di ogni singolo stato-nazione dall’organizzazione sovrao...
>>
Filosofia
La Verit dei Social
I nuovi strumenti Social hanno un enorme potenzialità, che è quella di com-prendere più facilmente la logic...
>>
FINANZA
Un 2017 tra streghe ed evasori
Di seguito, una mia ricostruzione dei valori nominali delle poste di bilancio sui dati in percentuale, approssimati ai decimal...
>>
NEWSLETTER
ISCRIVITI
VUOI RICEVERE LE NOSTRE NEWS?
Verita e sistemi alternativi editore casa editore roberto oxford
CATEGORIE
AUTORI
CURIOSIT
FILOSOFIA
ACCESSORI DA LETTORE
CORSI DI FORMAZIONE
FILOSOFIA ANTICA
FINANZA
LEZIONI DI FILOSOFIA ANTICA
LIBRERIE
MOSTRE MERCATO S. SEVERINO
NUOVE TECNOLOGIE
POESIA
POLITICA INTERNAZIONALE
RECENSIONI
STORIA MEDIOEVALE
TELEVISIONE
CONCORSI LETTERARI 2018
LETTERE DA BABBO NATALE
EDIZIONI PAGURO
INFORMAZIONI
EVENTI
ARTE
FIERE
POESIA
SPORT
UNISA
IMPEGNO SOCIALE
BULLISMO
MOSTRE
ESTASI
MOSTRE
TRINITA
PREMI
POESIA
PUBBLICAZIONI
SALERNO
RECENSIONI
FILOSOFIA
POESIA
STORIA
SCRIPTOR DIXIT
FILOSOFIA
POESIA
SIAE - SI ILLUMINA
LETTERATURA FANTASY
ARCHIVIO
GENNAIO 2019
NOVEMBRE 2018
OTTOBRE 2018
SETTEMBRE 2018
LUGLIO 2018
APRILE 2018
MARZO 2018
DICEMBRE 2017
NOVEMBRE 2017
OTTOBRE 2017
SETTEMBRE 2017
AGOSTO 2017
LUGLIO 2017
GIUGNO 2017
MAGGIO 2017
APRILE 2017
MARZO 2017
FEBBRAIO 2017
GENNAIO 2017
DICEMBRE 2016
NOVEMBRE 2016
OTTOBRE 2016
SETTEMBRE 2016
AGOSTO 2016
GIUGNO 2016
MAGGIO 2016
APRILE 2016
MARZO 2016
FEBBRAIO 2016
GENNAIO 2016
OTTOBRE 2015
 
Catalogo
 cerca
PROSSIME USCITE +
ANIMAZIONE E VIDEOGIOCHI +
ARTI +
DIRITTO ED ECONOMIA +
FILOSOFIA E STORIA +
NARRATIVA E POESIA +
SCIENZE SOCIALI +
STUDI IBERO E IBERO-AMERICANI +
UNISA +
PROMO +

Offerte
 cerca
SOCIALTOOLS +
STAMPA +

Promozioni
 
Verita e sistemi alternativi editore casa editore roberto oxford
Verita e sistemi alternativi editore casa editore roberto oxford
Verita e sistemi alternativi editore casa editore roberto oxford
Verita e sistemi alternativi editore casa editore roberto oxford

 
 
 
 
 
 
 
 
 
Tel. 39.089.821723
 
|
|
|
|
|
 
Clicca qui per personalizzare il sito
 
CPANEL
Theme color:
 
 
Font size:
 
10 pt
12 pt
14 pt
16 pt
18 pt
 
Background:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Verita e sistemi alternativi editore casa editore roberto oxford
Verita e sistemi alternativi editore casa editore roberto oxford
Verita e sistemi alternativi editore casa editore roberto oxford
Verita e sistemi alternativi editore casa editore roberto oxford
Verita e sistemi alternativi editore casa editore roberto oxford
Verita e sistemi alternativi editore casa editore roberto oxford
Home
Autori
Collane
Pubblica con noi
Condizioni di vendita
News
Contatti
Email
089.821723
328.9670221